Archivi categoria: poesia dialettale

Nei giorni griggi

Quanno   fòri piove e  me   vengheno li   brividi, e   triste me   sento, pè   na   sorta de  malinconia che   me  pijà  , cerco   tepore e   o   trovo solo quanno   penso a   te. ”  Fa   tanto   bene a   ripensà   a   l’ amore, … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale, post guidato | 8 commenti

Ammore mio = Amore mio

Sempre sperimentando lo studio sul vernacolo napoletano ho scritto questi versi Ammore mio M’aggio lassato e nun mme pare overo ma nun ‘o ssaccio si mm”o stó’ sunnanno pure, te chiammo e nun rispunne l’aria , lo viento, lo mare … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale | 6 commenti

Core mio

C’è stato un tempo che amavo studiare i dialetti e quello napoletano mi ha sempre attratto di più. Me spiezz’o core quanno pienzo a te Nu’ giorno n’angiulillo ‘ncielo ti purtaje… e rimanette i’ sula ‘mmiez’â via. Senz’e te core … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale | 12 commenti

Mammà

O’tiemp pass ma pe te nun pass maje, ma quant si bell cu chisti capill argient, nun fa nient si nun si comm na’vota, a’ bellezz è rinto o’ core. Mammà guardam nu poc ca’ poi nun putimme cchiù fà, … Continua a leggere

Pubblicato in Auguri, dedica, poesia dialettale | 4 commenti

Er fusto de Labottega di Cacio

Fa’ la guardia non me piace ciò du metri de’ torace ma i sorcini devo prenne altrimenti addio Cacio (Jalesh)

Pubblicato in click interpretativo, poesia dialettale | 6 commenti

Haiku

Dòrmi Bamminu ca la mamma ti naca – cantanu i cori Trad. Dormi Bambino con la mamma che culla – gioiscono i cuori @ Rosemary3 Clarisse – Biancavilla

Pubblicato in metrica giapponese, Natale 2018, poesia dialettale | 3 commenti

Sicilia…

Trad. Amata terra mia,   il profumo di zagara e di salsedine  il cuor fa palpitare… Di colori i fichidindia s’ammantano, quando al tramonto una nènia intonano… Smarrita davanti a questo inèdito concerto, mi lascio acquietare… @ Rosemary3 Foto di … Continua a leggere

Pubblicato in click interpretativo, poesia dialettale | 8 commenti

Lu bbeddhu tiempu (Primavera)…

– Ràpi ‘u bbarcuni, Saridda: senti chi oru finu, chi çiàuru di ggesiminu ‘nta l’ària stamatina? – – Apri le finestre, Sara: il vecchio pruno già l’aria profuma… Uno squarcio di cielo nel sentiero è apparso e par da lontano … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesia dialettale, post guidato | 6 commenti

Forse è la nostalgia .

Scatto di Zivago 42 Che  c’è posso fa! Forse è la nostalgia A me sta’ foto Ma’ fatto pensà a Portaportese A Roma era un istituzione La domenica mattina S’annava a portaportese Lì c’è trovavi di tutto Dar chiodo ar … Continua a leggere

Pubblicato in click interpretativo, poesia dialettale | 12 commenti

Tramuntu (Tamonto)…

E’ l’ura ca ‘u suli s’annia… Dòrmi lu mari e ‘na canzuna canta… … e’ ‘ncantu d’amuri, ‘na cantilena aruci ca ‘u cori fa trimari… E iu, persa ‘nta st’incantu, mi lassu annacari… trad. Tramonto: il sole annega nel mare … Continua a leggere

Pubblicato in fotografia, poesia dialettale, post guidato | 4 commenti

Tanka

Ànima ca vai comu ‘n mari di vitru ultimu arrivu Tu ‘n unna ‘ngannusa si’ ca annii sempri ‘a spranza Trad. Anima errante come un mare di vetro ultima tregua Un’ingannevole onda che le illusioni annega @ Rosemary3 Immagine rielaborata … Continua a leggere

Pubblicato in metrica giapponese, poesia dialettale | 5 commenti

La mattanza

Russu comu lu sangu si tinci lu blu di stu mari ‘ncantatu quannu lu Ràis duna li cumanni, ora vuciannu ora friscannu li tunnaroti tirano e tiranu forti li riti e li vrazza pari chi s’avissiru a scippari, ma lu … Continua a leggere

Pubblicato in poesia, poesia dialettale | 16 commenti

Er guardiano

Foto di 65Luna So’ er guardiano della casetta c’ho du’ metri de torace fa’ la guardia non me piace ma troppo bella è sta casetta (Jalesh)

Pubblicato in click interpretativo, poesia dialettale | 15 commenti

A che te serve.

 A che te serve esse arto  se poi nun sei all’artezza?  Oppure esse bello  si drento de te nun c’è bellezza?  A che te servono li sordi  si nun conosci la ricchezza?  Oppur ave’ cento diplomi  si te manca la … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale | 6 commenti

Cortigiani

  Ho preso un granchio a secco, grosso assai! Strillò un re che pescava in riva ar mare. Er maggiordomo disse: “ma je pare! Un re, li granchi, nu’ li pija mai!” Allora – fece er granchio fra de sé … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale | 7 commenti

Bocconi amari ( A tavola cor telegiornale )

 A casa der sor Checco, a pranzo e cena Se magna assieme cor telegiornale; Cosa che de ‘sti tempi fa stà male: Nun c’è notizzia che nun t’avvelena. ‘No scippo, un morto, un pupo all’ospedale, Che scialo de violenza, quanta … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale | 7 commenti

Sarde e finocchietto

Cummari chi faciti? Chi cciavuru chi c’è pasta chi sardi priparavu frischi me marito li purtò finucchiettu e cipudduzza sardi salati e passulina ci misi puru li pinola e la muddica atturrata cu tanticchia di zuccaro trasiti cummari vi la … Continua a leggere

Pubblicato in Iniziativa estiva 2016, poesia dialettale | 6 commenti

Spaghetti alla carbonara.

 Il piatto sarebbe stato “inventato” dai carbonai (carbonari in romanesco), i quali lo preparavano usando ingredienti di facile reperibilità e conservazione. Infatti per realizzare la carbonella era necessario sorvegliare la carbonaia per lungo tempo e quindi era importante avere con … Continua a leggere

Pubblicato in Iniziativa estiva 2016, poesia dialettale | 10 commenti

Lu bbeddhu tiempu (La primavera)…

Ràpi lu bbarcuni, Saridda: senti chi oru finu, chi çiàuru di ggesiminu ‘nta l’ària stamatina? Lu bbeddhu tiempu arrivau… Suspira ‘a picciuttedda pirchì d’amuri adduma… China di çiuri e’ ‘a mènnula e l’arma ‘ncori di suli si ìnchi… Trad. Sara, … Continua a leggere

Pubblicato in click interpretativo, poesia dialettale | 4 commenti

Quann a’ luna ’ncumincia a raccuntare (Quando la luna inizia a raccontare)

Quann o’ sole dorme a’ notte si spoglia e a’ luna ’ncumincia a raccuntare Comm na’ criatura a sent e rest incantàt ra’ bellèzz soja ha na’ voce suadènt doce comm o’ profumo e’ na’ rosa e bella comm na’ femmena … Continua a leggere

Pubblicato in poesia dialettale | 6 commenti

Natali…

Fora la nivi cari… Chianu chianu scinni comu làgrimi di duluri… Chianci lu Bbammineddu, la mamma lu naca. Friddu lu nnuccenti sènti, ma ‘n voi e n’asineddu  lu caurianu cô çiatu… Trad. Fuori la neve cade… Scendono i fiocchi come … Continua a leggere

Pubblicato in click interpretativo, poesia dialettale, post guidato | 6 commenti