Alzo il calice

Brindo al mio destino.
Ma sì, alzo il calice alla sua salute.
Attraverso il vino ambrato
lo vedo sgranato, lontano da me
in un orizzonte semi liquido
dai colori molteplici.
Bevo e sento l’amaro della vita.
Un mazzo di spine che scivola in gola.
Brindo ancora…A te destino strano
che tutto mi porti con sguardo maligno.
Nulla posso rifiutare. Non sono doni
sono fardelli che appena riesco a trascinare.
Non posso mancare al tuo volere…allora
Brindo ancora a te: mio eterno nemico
che devo, per forza, abbracciare.

@ Orofiorentino50

Pubblicità
Questa voce è stata pubblicata in poesia. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Alzo il calice

  1. oddonemarina ha detto:

    molto bella brava

    "Mi piace"

  2. 65luna ha detto:

    Proprio così…! 65Luna

    "Mi piace"

  3. Rosemary3 ha detto:

    Un amaro brindisi!
    Ros

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...