La margherita e il girasole

La prima volta che parlai ad un fiore ero molto giovane. Era una giornata estiva e mi ero seduto su un masso, al bordo di un campo, ad osservare i profili delle montagne in lontananza, perso nei miei pensieri.,

– Ehi che cosa fai? – sentii una vocina tenue che mi interpellava.

– Sto guardando le montagne e tu?

– Io sono una Margherita ma, siccome sono piccola, tutti mi chiamano margheritina.

– Ma poi crescerai, devi avere solo un po’ di pazienza.

– Oh sii… mi piacerebbe davvero diventare grande!

– Vedrai che lo sarai.

Subito non diedi peso quelle parole, mi pareva però che quel fiore a bordo campo, semi circondato da ciuffi d’erba e lontano dalle sue compagne, soffrisse di solitudine.

Passarono alcuni giorni e indaffarato in molte incombenze non tornai subito in quel luogo dove, immerso nella contemplazione della natura, mi rilassavo lasciando vagare i miei pensieri,

Vi capitai un pomeriggio, dopo un paio di settimane, e al posto della margheritina vidi uno splendido girasole che si affacciava rivolto al cielo.

– Ehi hai visto? Sì, sono io. Ora sono cresciuta!

Immagine del web

Questa voce è stata pubblicata in Fantasie Interpretative. Contrassegna il permalink.

2 risposte a La margherita e il girasole

  1. jalesh ha detto:

    Stupenda originale e molto particolare la scelta di questo tuo girasole per la Fantasia Interpretativa di questa settimana. Complimenti Rinaldo davvero straordinaria la tua performance poetica. Sei Speciale bravissimo

    Piace a 1 persona

  2. oddonemarina ha detto:

    mi ha commosso complimenti Rinaldo

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...