Sofferenza amara

Attico, Pisa, Vecchia Soffitta, Piastrella, Luce, Porta

 “..si guardò nello specchio, ma senza trovare la letizia che aveva sperato. Nella casa c’era un grande silenzio, si udivano solo piccoli rumori da una stanza vicina”(Dino Buzzati, Il deserto dei tartari)

 “Si guardò nello specchio, ma senza trovare la letizia che aveva sperato. Nella casa c’era un grande silenzio, si udivano solo piccoli rumori da una stanza vicina;” il cuore sembrava si fosse fermato per poter ascoltare con attenzione ogni piccolo dettaglio proveniente dall’esterno…il respiro, interrotto, come per riuscire a percepire qualsiasi minimo spostamento … La sua vita sembrava appesa ad un filo, sottile e flebile come la sua voce, che non riusciva più ad uscire se non con piccoli e strani stridii irriconoscibili. La mente, a tratti offuscata, rendeva tutto irreale e inopportuno. Si sentiva fuori posto, sbagliato, inadeguato. Una lacrima gli scese lungo la guancia fino ad arrivare alle sue labbra che divennero amare come fiele. Stancamente aprì la porta del bagno e guardò, con occhi assenti, la trave sul soffitto che avrebbe alleviato la sua sofferenza.

Stefania Spaziani

Informazioni su yourborderline

lavorare fa male alla salute
Questa voce è stata pubblicata in pensiero, post guidato. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Sofferenza amara

  1. jalesh ha detto:

    Un pensiero molto chiaro …altro che amaro….ottimo inserimento dell’incipit di Dino Buzzati ben strutturato complimenti bravissima

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...