L’alba della vita

https://i0.wp.com/mondilularakelrinalevari.altervista.org/Didapages/m_5d31c71fb9.jpeg

L’angolo cieco dell’angoscia

una lacrima furtiva sotto le stelle

una chioma bianca, la saggezza

la penombra ad accarezzare il fato.

Turbinio di emozioni, miraggi

sogni perduti lì a ritornare

la mente s’offusca al lor passare

tra le briglie del futuro, il menzionare.

Soffia il vento della speranza

accartoccia momenti vissuti

mentre una voce è lì a sussurrare

di quel giardino il velluto, l’organza.

una voce flebile, così gentile

al dolce suono d’un violino goduta

si lascia andare sull’onda del respiro

nel tracimo di passione mai perduta.

e giunge così bella quanto sognata

il fiorire di rosa vermiglia

s’asciuga il viso con mano cadente

all’ammiro di quel mondo l’alba,

l’alba della vita tanto aspirata.

************

Giovanni Monopoli

***********

Dall’incipit: “Si scioglie nel pianto quel dolce ricordo sbiadito nel tempo”

Questa voce è stata pubblicata in poesia, post guidato. Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’alba della vita

  1. jalesh ha detto:

    Splendidi versi appropriati scaturiti dall’incipit di Rino Gaetano. Complimenti bravissimo

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...