Chi è stato?

carabinieri1-800x500_c

Eloise camminava svelta. Quel tratto di strada che doveva fare tutte le sere tornando dal lavoro: era decisamente poco illuminato. Poche case e poca gente. Quella giornata di lavoro era stata molto appagante: un avanzamento di carriera e un bel aumento di stipendio.
Ogni fine giornata però: quel tratto di strada le metteva ansia. Si tranquillizzava solo dopo essere entrata nel portoncino di casa sua. Quella sera non fu così. Aveva già le chiavi in mano quando sentì un colpo fortissimo alla nuca. Svenne. Riaperti gli occhi, vedeva tutto offuscato, le girava la testa. Voleva gridare ma non usciva nessun suono dalla sua bocca. Sentì dei passi allontanarsi veloci. Prese il cellulare e chiamò i Carabinieri. Non si mosse di un centimetro: era terrorizzata. Arrivata la volante le posero mille domande per cercare di capire. Lei non aveva nulla da nascondere poi le venne in mente che da qualche giorno riceveva mail minatorie in ufficio ma non ci aveva dato peso anzi, credeva fossero degli scherzi cretini di qualche collega. Un agente le chiese se qualcuno le avesse fatto la corte e lei lo avesse respinto. Si, un collega voleva uscire con lei ma aveva sempre risposto di no. Le dava un senso di ansia quella persona. Mentre lei parlava si udì uno sparo.
Eloise si accasciò a terra senza un fiato: morta. Uccisa sotto il naso delle Forze dell’Ordine. Iniziò la caccia all’assassino, non poteva essere lontano. dopo ore di ricerche non avevano trovato nulla di sospetto. In casa tutto in ordine. il giorno dopo in ufficio interrogarono tutti, cercarono le mail sul pc ma erano state cancellate.
Passarono giorni e giorni a cercare ma non venne fuori nulla, nulla di nulla.
Altri casi si sovrapposero alla vicenda di Eloise,  pian piano il suo fascicolo finì in fondo alla lista. Irrisolto!

@ orofiorentino50

Mini racconto noir

Questa voce è stata pubblicata in post guidato, racconto. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Chi è stato?

  1. jalesh ha detto:

    Che sfiga!! Sai quanti casi irrisolti ci sono?? Un’infinta. Complimenti un racconto noir con suspence. Bravissima

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...