La città sommersa di Baia

Subaia Diving Center, centro subacqueo a Baia-Bacoli (Napoli)
La città sommersa di Baia - Pompei subacquea - antica città romana

A pochi metri sotto il livello del mare giace l’Atlantide campana: il sito sommerso di Portus Julius, a Baia. Con una superficie grande tre volte il sito archeologico di Pompei, il parco sommerso di Baia è uno dei siti archeologici più suggestivi del mondo. Le acque lasciano percepire parte della grandiosa struttura portuale che era collegata con un canale navigabile fino ai laghi di Lucrino e D’Averno, nel cuore dei Campi Flegrei, voluta da Marco Vipsanio Agrippa durante la guerra civile fra Ottaviano e Marco Antonio (I secolo a.C.). Lo scorso anno dalla villa con ingresso a protiro un gruppo archeologico subacqueo della Soprintendenza dell’area metropolitana di Napoli ha riportato alla luce nel corso di alcune immersioni di routine un raffinato mosaico con tessere bianche e nere che raffigura due lottatori di pancrazio, disciplina che combinava aspetti della boxe e del wrestling. Attualmente, l’intero porto è inabissato con tutti gli edifici annessi, che oggi si conservano perfettamente ad profondità che varia tra i 2 e 16 metri slm, ma il bello è che l’area è accessibile anche con facili immersioni, per ammirare con i propri occhi i resti di un intero complesso termale, la Villa dei Pisoni del I secolo a.C. e i piloni di calcestruzzo, una strada basolata affiancata da edifici, le Pilae, che delimitavano l’originale linea di costa, la villa a Protiro… tutto il parco offre la meraviglia di muoversi tra le strade sommerse, ammirando le colonne e i mosaici cristallizzati dall’acqua e lo splendido Ninfeo dell’imperatore Claudio (oggi ospitato nel Museo archeologico del Campi Flegrei, che ha sede nel Castello Aragonese di Baia), al largo di Punta Epitaffio, ornato da un gruppo statuario che hanno sostituito gli originali (sempre al museo), dove i rimandi alla civiltà greca si leggono nella composizione principale che affigurava l’episodio dell’Odissea in cui Ulisse viene fatto prigioniero dai Ciclopi.

Docufilm sugli scavi di Baia, la Pompei Sommersa: ecco quando vederlo in TV

C’è un mondo fantastico

che giace nei fondali marini

una civiltà sommersa

che dura nel tempo

risvegliando in noi

lo stupore della bellezza passata

e il mistero che avvolge in essa.

© Egyzia72 L.633/1941 diritti d’autore riservati.

Pubblicità

Informazioni su Egyzia72

Lascio parlare il cuore e con esso annoto emozioni...
Questa voce è stata pubblicata in aforisma, Iniziativa Estiva 2021. Contrassegna il permalink.

Una risposta a La città sommersa di Baia

  1. jalesh ha detto:

    Un mondo inesplorato dalla più parte di persone che merita di essere menzionato. Complimenti per questo post stupendo e per i tuoi bellissimi versi. bravissima

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...