L’isola di Nisida

Nisida, l’isola che non puoi visitare

Nisida, la misteriosa, è una piccola isola appartenente all’arcipelago delle isole Flegree che si eleva sul mare di Napoli, ove è posta all’estrema propaggine della collina di Posillipo cui è collegata fisicamente, in una località chiamata Coroglio.

Bellissima da vedere, ma, come vedremo, inavvicinabile.                                                                             

Nisida non è accessibile, o visitabile dal mare o da terra, in quanto ospita l’Istituto penale minorile di Napoli, mentre il suo piccolo porto ubicato verso la zona di Coroglio era interdetto, in quanto utilizzato dalla Nato fino al trasferimento delle attività militari.

La sua eruzione, con emersione del sito, si data ad oltre seimila anni fa rientrando in quello che, dai vulcanologi, viene comunemente definito il “Terzo periodo flegreo”. In effetti, nei suoi fondali esistono delle antiche strutture costruite dall’uomo, attualmente sommerse, risalenti all’epoca romana che dimostrano un abbassamento notevole del terreno dovuto a fenomeni di bradisismo, come accade in molte altre zone dei Campi flegrei.

Su di essa sorge l’omonimo castello, la cui originaria costruzione risale all’epoca tardo-angioina, poi riadattata in epoca più moderna, nel XVII secolo, quale caposaldo del sistema difensivo del Regno di Napoli con una linea fortificata che si estendeva da Baia fino allo Sperone. Tale trasformazione si rese necessaria a seguito delle reiterate scorrerie di pirati che avvenivano sulle coste campane, calabre, su Ischia e Procida. Poi, la proprietà del castello e quella dell’isola passarono alla famiglia napoletana dei Duchi Macedonio.

Nel 1626, anno centrale della terribile epidemia di peste, il castello venne adibito a lazzaretto per raccogliere gli appestati. Successivamente, durante il periodo borbonico, sia in seguito al rafforzamento della flotta militare che rispetto alle mutate condizioni strategiche, la costruzione fortificata venne adibita a tetro e temuto luogo di detenzione dei prigionieri politici.

Attualmente è sede del penitenziario minorile con il corpo principale del grande edificio che sorge sul versante sud-orientale dell’isola nella parte comprendente l’insenatura di Porto Paone. Da diversi anni, nell’istituto è in corso una bellissima esperienza di formazione e reinserimento dei giovani detenuti rieducandi “la fabbrica delle arti” che origina una serie di prodotti ceramici e di altro genere che si trovano in vendita come linea, senza scopo di lucro.

Ognuno di noi

è isola del proprio mare.

© Egyzia72 L.633/1941 diritti d’autore riservati.

Pubblicità

Informazioni su Egyzia72

Lascio parlare il cuore e con esso annoto emozioni...
Questa voce è stata pubblicata in aforisma, Iniziativa Estiva 2021. Contrassegna il permalink.

Una risposta a L’isola di Nisida

  1. jalesh ha detto:

    Altro tesoro nell’arcipelago mapoletano purtroppo inavvicinabile. Notizie interessanti e bell’aforisma appropriato. Complimenti bravissima

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...