Il furto

furto-casa

Angela si tormentava, quel furto in casa sua l’aveva proprio sconvolta. La cassaforte aperta, vuota di tutto il denaro e i gioielli e la teca di cristallo infranta da una pietra. Avevano rubato anche quella statuetta, non di grande valore economico, ma di un significato affettivo immenso per lei. Regalo di suo nonno che era stato molte volte in India. I poliziotti giravano per casa in cerca di indizi, impronte digitali, insomma tutto il necessario per trovare il colpevole. Angela taceva, il suo cuore lacerato dal dubbio di sapere fin troppo bene chi poteva essere stato. Quel figlio tanto cercato che si era rivelato un criminale senza scrupoli. Era sempre riuscito a farla franca ma in lei il dubbio c’era sempre stato. Troppe cose non le quadravano e cose trovate in camera del ragazzo ne avevano dato quasi la certezza. Inutili le richieste di spiegazioni….risposte vaghe: chiaramente bugie dette con un sorriso schernitore. Combattuta tra l’amore verso il figlio e la voglia di giustizia, prima che fosse troppo tardi per lui, si tormentava le mani. Prese una decisione grave, si recò in camera del ragazzo e buttando all’aria una cesta che in cima all’armadio appena si vedeva trovò la statuetta. Le girò la testa, ecco che i suoi timori tenuti a bada per amore le si rivoltavano contro.
Tornata nel salone, bianca come un cencio lavato, chiamò il maresciallo e chiese di parlargli.
“Maresciallo, la prego mi ascolti. Ho capito chi ha fatto il furto: mio figlio ! “ La prego ancora: arrestatelo al più presto per evitare cose ben peggiori. Ditegli pure che sono stata io a denunciarlo ma gli faccia capire che l’ho fatto solo per amore.” Scoppiò in un pianto dirotto. Pochi giorni dopo andò in carcere a trovare suo figlio. Erano soli in parlatorio. Nessuno dei due aprì bocca, solo sguardi: amore e odio in un braccio di ferro che per molti anni non avrebbe avuto ne vinti né vincitori.

@ Orofiorentino50

Questa voce è stata pubblicata in post guidato, racconto. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Il furto

  1. tinamannelli ha detto:

    Un bellissimo mini racconto, l’amore di una mamma è infinito, Un racconto triste ma ha una sana morale. Bravissima, complimenti ❤

    "Mi piace"

  2. jalesh ha detto:

    Una giusta decisione anche se dolorosa. Bellissimo mini racconto bravissima Complimenti

    "Mi piace"

  3. Rakel48 ha detto:

    Tanti auguri di Buona Pasqua
    Rakel

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...