L’insegnante di lettere

Reggio Calabria, professoressa del Liceo shock a scuola: "Le donne  andrebbero tutte sterminate, perché non valgono niente" | Stretto Web

Lorella si alzò come tutte le mattine alle sei e mezza. Doccia, colazione, un vestitino ed una giacca, cominciava a far fresco la mattina. Borsa in spalla e un fascio di temi corretti sottobraccio. Insegnava sempre nello stesso Istituto lettere e filosofia ed era molto apprezzata sia dai colleghi che dai suoi studenti. Aveva un buon rapporto con i genitori dei suoi ragazzi. Quell’anno, terza liceo scientifico, aveva un nuovo studente diciassettenne. Molto preparato e molto intelligente ma era pieno di rabbia, era più che sicura che il problema doveva essere tutto familiare. Avrebbe cercato di capire e si era ripromessa che avrebbe fatto di tutto per tirarlo fuori e ridargli il sorriso. Nando era un gran bel ragazzo. Entrò in classe, si sentiva la testa pesante, i ragazzi la salutarono tutti sorridenti. Nando non si era neanche alzato. Lorella lo guardò e gli sorrise, il ragazzo immediatamente si alzò. In quel periodo avevano preso a leggere e spiegare i vari Canti della Divina Commedia. Lorella chiamò Nando e lo pregò di leggere l’ottavo canto dell’Inferno. Con voce alta e chiara lesse:

Poi si rivolse a quella ‘nfiata labbia
e disse: “Taci, maladetto lupo!
Consuma dentro te con la tua rabbia…”

Qui la voce quasi si spezzò due grosse lacrime scesero silenziose sul volto di Nando
l’emozione era tanta e a questo punto che Lorella si accasciò svenuta. Il primo a correre fu proprio Nando, cercarono di rianimarla ma dovettero chiamare l’ambulanza. Il medico del Pronto Intervento capì che c’era un infarto in corso. Portata in ospedale fu operata d’urgenza per applicare un pacemeker. Dopo alcuni giorni tutta la classe con Nando in testa andarono a trovarla.
Nando le porse un mazzolino di violette e con un sorriso che illuminò la stanza le disse ” Si riprenda al più presto tutti noi abbiamo bisogno di lei” E con un elegante gesto le baciò la mano.
Ma.Vi

Mini racconto a piacere ( Non riproponete già testi postati su laNostraCommediajalesh e Lanostracommediajalesh2C. Racconto di pura fantasia

Questa voce è stata pubblicata in mini racconto, post guidato. Contrassegna il permalink.

2 risposte a L’insegnante di lettere

  1. jalesh ha detto:

    Un mini racconto dal finale commovente e meno male finito bene. Complimenti bravissima

    Piace a 1 persona

  2. oddonemarina ha detto:

    Un interessante racconto di sentimenti nascosti ma che al momento si ridestano …bravissima due volte

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...