L’incanto del tempo

Un vecchio pendolo scandisce il tempo

risuona col suo fascino tra le sospirose mura,

rinfranca quel cuore che appostato origlia

senza timore, del suo trascorrere, la paura.

Di quelle lancette ombre a vedere

la libertà celata come semi intrappolati

nell’empireo come stelle nel firmamento

tra le speranzose linee di infinite aurore.

L’incanto del tempo fruscia negli origli

prigionieri di quell’essere immobili

tra le inutili parole d’un azzurro opaco

e lontano con corde pronte come appigli.

Dov’è la libertà!

Dov’ è quel voler fuggire senza rimpianti

senza la furia di quel vento ostacolante

senza quella pioggia uggiosa, desolante

nel racconto d’una vita coi suoi miglior incanti.

La libertà vien costruita con ostinazione

viene costruita con migliori certezze

nell’incanto di quel tempo cercato con devozione

e portato avanti nel respiro delle sue sicurezze.

 

Giovanni Monopoli

Questa voce è stata pubblicata in poesia. Contrassegna il permalink.

3 risposte a L’incanto del tempo

  1. tachimio ha detto:

    Molto bella Giovanni. Complimenti. Isabella

    "Mi piace"

  2. jalesh ha detto:

    Splendidi versi che entrano nelle corde del cuore che anelano quella libertà che in questo momento manca inevitabilmente. Complimenti Giovanni bravissimo

    "Mi piace"

  3. tinamannelli ha detto:

    Bellissimi versi intensi, la sospirata libertà che oggi non abbiamo più ma auguriamoci di tornare ad averla. Bravissimo Giovanni, complimenti ❤

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...