Paese mio

PAESE MIO | Enrico Negro

Nuda la fronte e nudo il petto mostri
Oimè quante ferite!
Da ogni angolo
da ogni colonna
lacrime amare sgorgano
la paura come serpe
striscia fra monumenti e case
Tutto grida dolore
quante anime non sono più
Oimè quante ferite, Paese mio
ma tutto il mondo
è in ginocchio come te
Invisibile e potente
è il nemico.
Oimè quante ferite
ma saprai rialzare il capo
e l’elmo indossare
e anche se stanca e ferita
alzerai la spada
e tornerai a vincere
Ma.Vi

Leggendo la poesia di Giacomo Leopardi : All’Italia

Pubblicità
Questa voce è stata pubblicata in poesia. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Paese mio

  1. tachimio ha detto:

    Speriamo cara Tina che sia così. Un abbraccio

    Piace a 1 persona

  2. orofiorentino ha detto:

    Bellissima mia cara, davvero molto piaciuta 🙂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...