Una storia siciliana

Visualizza immagine di origine

vesuviolive.it

 

Visualizza immagine di origine

gioiellineltempo.it

C’ è   un   museo   molto   particolare   che   non   vi   dovrebbe   sfuggire   tra   i   tanti   in   Italia   ed   è   il   Museo   regionale   Agostino   Pepoli   di   Trapani.   Pezzi   unici   realizzati   dai   cosiddetti   ”   scultori   in   piccolo ” ,  artisti  –   artigiani   trapanesi   che   tra   il   ‘300   e   il   ”400   riproducevano   statue   devozionali   in   gran   numero   di   esemplari   e   in   materiali   diversi,   anche   preziosi.   Protagonista   di   queste   arti   minori   è   il   corallo,   una   delle   materie   prime   più   facilmente   reperibili   nel   territorio   grazie   alla   presenza   di   estesi   ”  banchi  ”   coralliferi   tra   la   città   e   le   isole   Egadi.    La   perizia   dei   ”   mastri   curaddari”   a   intagliare   nel   corallo   anche   figure   complesse,    era   famosa   in   Europa   (   nel  ‘ 500   gli   artigiani   fecero   dono   a   Filippo   II   di   Spagna   della   ”   Montagna   di   corallo   ”,   un’   originale   scultura   composta   da   due   presepi   e   varie   scene   tratte   dai   Vangeli ).   E   sono   ben   6   i   presepi   realizzati  tra   ‘600   e  ‘ 700,   esposti   nel   museo   nelle   sale   dalla   XII   alla   XV  .   Straordinari,   preziosissimi   capolavori   che   ben   valgono   una   visita.   La   lavorazione   del   corallo   a   Trapani    ha   origini   antiche  :   inizialmente   sono   le   maestranze   ebree   a   dedicarsi   a   quest’  arte   già   dal   ‘ 200.   Nel   1492   però,   Isabella   e   Ferdinando   d’   Aragona   costringono   le   comunità   ebraiche   alla   diaspora   fuori   dal   confine   del   regno  (  e   quindi   anche   dalla   Sicilia  ),   portando   alla   paralisi   dell’  attività.   Bisogna   aspettare   qualche   decennio,   la   conversione   al   cristianesimo   di   alcuni   mastri   corallari   ebrei   e   l’  uso   del   bulino  (  un   piccolo   scalpello  affilato   che   facilita   l ‘ intaglio   del   corallo  ),   nelle   botteghe   della   città,   perché   l’  arte   trapanese   torni   alla   ribalta   internazionale   e   accanto   alla   tradizionale   produzione   di   ”  grani  ”   utilizzati   soprattutto   per   collane   e   rosari   si   affianchi   quella   di   statue,   gioielli,   oggetti   sacri.   Tra   il   ‘500   e   il   ‘700   gli   artigiani   mostrano   la   loro   abilità   anche   nella   realizzazione   di   presepi   che   da   oggetti   devozionali   diventano   oggetti   di   lusso   :   il   corallo   viene   unito   ad   altri   materiali   preziosi,   scolpito    in   un   unico   pezzo   oppure   in   piccoli   elementi   assemblati   poi   con   la   ceralacca.   Nel   corso   del   ‘ 500   e   del   ‘ 600   i   corollari   trapanesi    utilizzano la   tecnica   del   ”  retroincastro  ”   che   consiste   nell’  applicare   i   coralli   a   forma   di   piccole   gocce   e   borchiette   su   lamine   di   metallo   già   sagomate,   nel   fissare   i   piccoli   elementi   con   colle   speciali   e   nel   ricoprire   il   retro   con   un’   altra   lastra   di   metallo,   spesso   ornata   da   incisioni.   Sul   finire   del   ‘ 600   il   ”   retroincastro  ”   viene   abbandonato,   perché   troppo   lungo   e   costoso,   per   venire   sostituito   con   la   cucitura   attraverso   piccoli   perni   e   fili   metallici  :   una   tecnica   più   semplice,   ma   meno   sicura   perché   i   coralli   tendono   a   staccarsi   più   facilmente   dal   loro   supporto   .

Il   Museo   ha   sede   in   un   convento   Carmelitano   del   ‘ 300,   un   po’   defilato   dal   centro   di   Trapani,   rimaneggiato   e   arricchito   nel   ‘ 500   e   poi   nel   ‘ 700   con   eleganti   sale   in   marmo,   un   sontuoso   scalone,   decorazioni   a   stucchi   nelle   stanze   dei   due   piani.   Una   grande   espressione   di   barocco   siciliano.   Il   museo   cominciò   a   formarsi   nei   primi   anni   del   ‘ 900   quando   il   conte   trapanese   Agostino   Pepoli     volle   donare   ai   suoi   concittadini   un’ esposizione   permanente   dove   poter   ammirare   gli   oggetti   che   aveva   collezionato   durante   la   sua   vita  :   reperti   greci   e   romani,   gioielli,   bronzetti,   dipinti,   presepi.  

 

fonte  :   Bell’ Italia  –   Editoriale   Giorgio   Mondadori

 

C    ollane

O   rnano   i   colli   di

R   icche   signore

A   Trapani   e   non   solo

L   ucente  oro   ben   si   abbina   al   corallo

L   a   sua   eleganza   è

O   vviamente   un   marchio   inconfondibile.   Indossarlo   è   sempre   una  raffinatezza

 

Isabella   Scotti   giugno   2020

testo  :   copyright   legge   22   aprile   1941      n °   633

Iniziativa   estiva   2020

Informazioni su tachimio

Buongiorno a tutti. Sono Isabella l'autrice di ''Miscellanea- Visioni e palpiti del cuore-pensieri nascosti sotto forma di parole''.Sono una donna di 59 anni, sposata dal 1975 con due figli grandi: Chiara,ballerina professionista di danza contemporanea dedita oggi all'insegnamento , sposata, e Andrea, laureato in economia vicino a diventare dottore commercialista a tutti gli effetti. Mio marito ingegnere è oggi tranquillamente(si fa per dire) in pensione.Ho detto ''si fa per dire'' visto gli impegni che si è creato per non rimanere sempre a casa(vedi amici ect.) Insomma una bella famiglia con a carico anche un gatto un pò vecchiotto e ora con qualche problemino di salute.Ho scritto questo libro senza sapere di essere ''portatrice sana'' di parole che sono uscite così, per caso, ma che una volta fuori, non ho potuto più controllare. Ora spero che qualcuno di voi possa essere interessato alla sua lettura.Posso solo dire che mia figlia con la sua vita di artista, ha senz'altro influenzato un pò la mia nel farmi apprezzare, attraverso la danza, l'arte e in generale il ''bello'' che si trova in ogni forma espressiva(retaggio anche della mia cultura classica).Con questo spero siate in tanti a leggere il libro.A presto Isabella
Questa voce è stata pubblicata in Acrostico, Iniziativa estiva 2020. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Una storia siciliana

  1. jalesh ha detto:

    Una bellissima e lunghissima dissertazione sul corallo siciliano abbinata da uno stupendo acrostico appropriato. e dire che io ero convinta che il corallo fosse di origine partenopea. Complimenti bravissima

    "Mi piace"

  2. tinamannelli ha detto:

    Un post eccezionale sul corallo siciliano, magnifico l’acrostico.Il corallo siciliano credo sia il più bello in assoluto. Bravissima, complimenti ❤

    "Mi piace"

  3. 65luna ha detto:

    Io ,invece, pensavo che il corallo avesse origini sarde…grazie Isa! 65Luna

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...