Ode al lampione

Immagine web del Comune di Martina Franca (Taranto)

Il silenzio molte volte ti sfiora

ma te ne stai assorto coi tuoi pensieri

eppure sei lì sempre pronto, ogni ora

e ti consoli all’ammiro, oggi come ieri.

Da esperte mani forgiato

ti mostri, in ogni tua forma

sei lì t’incoraggi al passaggio amato

e non dici nulla al can che s’addorma.

Poggiato su antiche mura

esalti il vico con grande gioia

doni la luce a chi si sofferma e perdura

e t’assicuro che non procuri alcuna noia.

O lampione

il tuo buongiorno s’aspetta, il tuo saluto

l’arrivederci a presto l’illumino ancora

la sera puntuale e senza perdere minuto

il tuo fascio giunge e accalora.

Rubi carezze a giovani amanti

tra le nebbie sei lì col tuo prostrare

ascolti d’ogni dire di bimbi festanti

tra quei vicoli sei storia col tuo poetare.

O lampione

tu resisti al tempo e sempre resterai

il tuo menzionare è realtà recente e passata

tu ancor per molti anni vivrai

perché ricco di vita sei, mai tramontata.

****

Giovanni Monopoli 

(Tutti i diritti riservati, anche parziali, in base alla legge 22.4.1941 n.633)

Questa voce è stata pubblicata in poesia. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Ode al lampione

  1. tinamannelli ha detto:

    Bellissimi versi per questa “ode” al lampione. Bravissimo Giovanni. Buona domenica e complimenti ❤

    "Mi piace"

  2. orofiorentino ha detto:

    uN’ODE DAVVERO MAGNIFICA, BELLISSIMO RILEGGERTI, COMPLIMENTI

    "Mi piace"

  3. jalesh ha detto:

    Splendidi versi dedicati al lampione molto originale complimenti Giovanni bravissimo

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...