Gaia e l’incontro inaspettato

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è norway-2244935_960_720.jpg

Il cielo era grigio e denso, squarciato da nubi corpose e bianche alternate a minacciose nuvole livide e nere che oscuravano completamente il sole. Prometteva tempesta. Il vento turbinava, cattivo e spietato, alzando polvere, foglie, rami e tutto quello che gli capitava sul suo cammino. Gaia, in piedi sulla scogliera, aveva i capelli accarezzati dalle folate, attenuate dal suo sussurro che calmava la rabbia dell’aria…Guardava all’orizzonte scrutando il mare increspato infrangersi con dolore sulle rocce della sua isola. Sapeva che qualcosa stava per capitare, lo percepiva intorno a sè..ma non era ancora riuscita a capire cosa….Fu allora che vide avvicinarsi una piccola imbarcazione in balia delle onde, la vela strappata, con un solo uomo a bordo che, con grande maestria, riuscì a giungere alla riva mettendo in salvo la barca e se stesso. Gaia scese verso la spiaggia e, senza farsi vedere, osservò il malcapitato dietro foglie e rami del bosco ubicato proprio dietro alla battigia: era sdraiato, senza forze, sulla schiena forte e muscolosa. I suoi capelli chiari erano avvolti in una crocchia folta posta sulla sua nuca. I suoi occhi socchiusi erano chiari e protetti da ciglia lunghe e quasi bianche. Una barba lieve e incolta gli incorniciava la bocca carnosa con le labbra disidratate dal sole e dal sale. Il corpo, atletico e giovane, aveva vesti strappate che lasciavano intravvedere prestanza e vigore. Gaia si avvicinò all’uomo che, spalancando gli occhi la guardò intensamente cercando di parlare ma, per la debolezza, svenne. Si ritrovò in un giaciglio accogliente , con il fuoco acceso , le ferite medicate e una druida che lo idratava con un sidro amaro ma molto efficace. Poco dopo entrò la donna che lo aveva salvato, bella, sicura, forte che gli chiese:”Chi sei?” “Mi chiamo Sweyn, sono il figlio del re Bjorn. Sono un guerriero vichingo. ” Segue….

Stefania Spaziani

Informazioni su yourborderline

lavorare fa male alla salute
Questa voce è stata pubblicata in mini racconto, Un Battito d'Ali. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Gaia e l’incontro inaspettato

  1. tinamannelli ha detto:

    Stupendo racconto , che meraviglia…aspetto il seguito. Complimenti ❤

    Piace a 1 persona

  2. jalesh ha detto:

    Intrigante affascinante ed avvicente questo tuo racconto per la rubrica “Un Battito d’Ali”. aspetto ilseguito. Complimenti bravissima

    Piace a 1 persona

  3. jeshua2009 ha detto:

    Mi piace questa attesa!!! Nel frattempo possiamo immaginare di tutto. Complimenti per il Battito d’Ali. 🙂

    Piace a 1 persona

  4. storiequalunque ha detto:

    Davvero bello. Grazie per questo racconto

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...