Mani

Mani, e ancora mani, che si sfiorano, che si stringono, che corrono, che fuggono…                 Mani, un carosello di dita, di muti dialoghi tra falangi ed epidermidi assenti. Unghie. Palmi rivolti al sole. Linee del cuore che si incrociano con linee della vita. Ma i polsi sono sempre assenti.

Puoi contare il tempo sullo scandire delle dita, tra le vene sottopelle, caldi canali del pianeta che abiti. Rughe che corrono che si intrecciano e celano artrosi latenti. Tenui dita che si agitano nell’insonnia della notte, nel pensiero di contatti diurni.                                    E ancora…   dieci… cento… mille mani.

Studi di mani di Leonardo da Vinci – immagine del web

Pubblicità
Questa voce è stata pubblicata in Scheggia. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Mani

  1. jalesh ha detto:

    Bellissimo ma ancor di più mi è piaciuto “Rughe che corrono che si intrecciano e celano artrosi latenti”. Complimenti Rinaldo sempre molto bravo bisous

    Piace a 1 persona

  2. tachimio ha detto:

    Concordo con Jane. Anche se poi anche il resto è assolutamente perfetto. Bravo Rinaldo. Ripeto : unico. Un abbraccio. Isabella

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...