Inseguita

Apre la porta di casa, c’è silenzio, Ada accende la luce. Uno sfacelo vedono i suoi occhi, tutto una maceria come il passaggio di un uragano. Spaventata chiama la Polizia, che le consiglia di andare in albergo, così loro possono fare gli accertamenti. Ada esce con un piccolo trolley e due isolati  più in là c’è un albergo semplice e pulito situato in una vecchia villa dell’ottocento. Le danno una stanza all’ultimo piano, avvertendola che nel seminterrato può trovare lavatrici e asciugatrici per i suoi effetti personali. Ada ringrazia e poi si corica esausta e un po’ in ansia per la casa. Le prime luci dell’alba la trovano ancora insonne, si alza si lava e poi corre in ufficio. Alla sera ritorna in albergo esausta, si cambia e porta il vestito, che nella mattinata aveva sporcato con il toner della fotocopiatrice, nel locale che le avevano indicato. Attende che il lavaggio finisca, nessuno era presente anche perché è un’albergo un po’ di passaggio. Ritira il vestito e la luce si spegne in quell’attimo. Il mattino dopo un’operatrice dell’albergo, come tutte le mattine puliva la stanza, controllava i macchinari. Ma nell’ultima lavatrice le sembra di vedere qualcosa, si avvicina e con orrore vede un viso ed un corpo tutto rattrappito e scomposto. Il suo urlo è spontaneo…era Ada fatta centrifugare, senza vita.

 

oddonemarina – NewDay

racconto noir

Informazioni su oddonemarina

Amo la poesia, amo il cielo e l'aria. Mi piace leggere. E amo le fotografie perché lasciano una traccia di vita che scorre.
Questa voce è stata pubblicata in mini racconto, post guidato. Contrassegna il permalink.

13 risposte a Inseguita

  1. simonascola ha detto:

    Che brividi!!!

    "Mi piace"

  2. tachimio ha detto:

    Brava Marina. Originale. Isabella

    "Mi piace"

  3. jalesh ha detto:

    Da infarto….come hanno fatto a mettere un corpo umano in una lavatrice…che orrore. Bellissimo noir. Complimenti

    "Mi piace"

  4. orofiorentino ha detto:

    Ha ragione Jalesh…da infarto ma il racconto è proprio molto bello e particolarissimo, complimenti di cuore

    "Mi piace"

  5. tinamannelli ha detto:

    Accidenti che morte orribile! Un vero noir il tuo mini racconto, bravissima, complimenti ❤

    "Mi piace"

  6. rinaldoambrosia ha detto:

    l’ho sempre detto che occorre diffidare delle lavatrici…:)

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...