Più presso a te, Signor

Neares, My God, to Thee
l’inno copriva la paura
suonava l’orchestra
mentre il mare entrava
trascinando la nave
verso il profondo infinito
Leggenda o verità
questo nessuno mai saprà
Più presso a te Signor
e tante anime volarono via
Una nave, un iceberg, una orchestra
e si chiusero tante storie
Ma.Vi

Se una foto vale mille parole, una foto storica potrebbe valere come centinaia di libri di storia

Pubblicità
Questa voce è stata pubblicata in fotografia, poesia, post guidato. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Più presso a te, Signor

  1. tachimio ha detto:

    Bella. Brava Tina. Isabella

    Piace a 1 persona

  2. orofiorentino ha detto:

    Se è vero: quanto è realistico e commovente. Bellissimi versi per questa preghiera che li ha accompagnati negli abissi. Bravissima Tina…Un abbraccio mia cara

    Piace a 1 persona

  3. jalesh ha detto:

    Io credo che qualcuno sia rimasto vivo ed abbia raccontato quello che è successo…io penso fermamente che si svolse tutto come ce l’hanno fatto vedere. Una fine insolita ma forse molto più vicino a Dio che altre morti. Splendido il tuo post sul Titanic. Complimenti bravissima carissima Tina ❤

    Piace a 1 persona

  4. oddonemarina ha detto:

    Splendido post Tina bravissima

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...