Forse questo é il posto giusto

IL MATRIMONIO DEI MIEI GENITORI
Scritto per un corso unitre (non il mio) Credo sia stato un matrimonio sereno, per quanto i tempi potevano permetterlo. C’è stata di mezzo una guerra e qualche cambiamento politico non da poco che sicuramente hanno condizionato lo scorrere di queste vite.
Era il millenovecento ventisette quando si sono conosciuti. I particolari li ho sempre sentiti da mia madre che amava ripetere di essersi innamorata di mio padre, la prima volta che lo aveva incontrato ad una festa patronale del suo paese.
Mia madre, instancabile lettrice di libri e tra questi tutti quelli di Carolina Invernizio, con il suo romanticismo e la sua forte personalità progressista, per quei tempi e quei posti, decise che l’avrebbe sposato.
In qualche modo glie lo fece capire ma anche mio padre non era rimasto insensibile al fascino di quella ragazza diciottenne, intraprendente, alta, bruna e dagli occhi chiari.
La storia degli occhi merita un accenno particolare. A mia madre non piacevano i suoi occhi da gatto (così diceva lei) ma le piacevano gli occhi scuri di papà e ogni volta che aspettava uno di noi, pregava Dio di farli nascere con gli occhi di papà. Il suo desiderio fu sempre esaudito visto che noi quattro figli abbiamo tutti gli occhi scuri. Forse noi donne avremmo preferito i suoi.
Papà partì per la guerra e rimase in pericolo (Croazia) fino a che questa terminò e il ritorno a casa avvenne, dopo il famoso armistizio, camminando a piedi da Lubiana fino in Abruzzo al confine con il Molise dove insieme affrontammo le difficoltà del primo scontro tra tedeschi e alleati che vide come scenario proprio il fiume Trigno che divide le due regioni (allora unite).
Fino al ritorno di papà mia madre ci faceva pregare, tutti i giorni, vicino ad una immagine di S. Antonio da Padova. Allora eravamo tre figli poiché l’ultima sorellina nacque dopo la guerra.
Altra domanda posta dal docente era: Cosa vi dava fastidio di questa unione, ed ecco cosa ha preceduto ogni altro ricordo.
Cosa mi dava fastidio? Il fatto che mia madre dovesse sempre giustificare il perché dei nostri vestitini nuovi il che ci procurava molta apprensione ogni volta che scendevamo le scale con una mise ancora non vista da lui, sapendo che si sarebbe arrabbiato come prima reazione.
Poi il tutto passava, anzi si compiaceva di portarci con lui sempre così ordinati e adeguati alle varie occasioni.
Però anche lui ha sempre conservato il gusto del buon vestire fino alla sua morte avvenuta non molti anni addietro. (a me sembrano pochi ma in realtà cominciano ad essere tanti)
Mia madre invece ci lasciò troppo presto!
Maria Mastrocola Dulbecco

 

Informazioni su mariamastrocola

Mi occupo del "Laboratorio di scrittura" nell'ambito dell'unitre di Rivoli
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Forse questo é il posto giusto

  1. tinamannelli ha detto:

    Meravigliosi ricordi in queste righe. Bello leggerti cara Maria. Ben tornata ❤

    "Mi piace"

  2. jalesh ha detto:

    Ciao Maria questa volta hai postato nel posto giusto. Un vissuto sentito una coppia vera che ne ha passato tante nella vita. Complimenti Maria e un abbraccio affettuosisssimo ❤

    "Mi piace"

  3. orofiorentino ha detto:

    Questi ricordi sono meravigliosi mia cara. Emozione pura….Ti abbraccio

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...