Una bambola di vetro

Ti ho detto che ti amo.
Credevo ciò mi garantisse
da te il trattamento
di una bambola di vetro.

Non avevo ahimè pensato
che sei come un pachiderma:
di maneggiarmi con
cura, tu credi.

E invece a ogni tocco
del tuo affetto un pezzo
di me s’incrina 
e a ogni carezza mi spezzi.

© MerMer

 

Informazioni su mermer86

Nata e cresciuta a Bari, Laureata in Lingue, vissuta tra Vienna, Berlino e Torino. Attualmente impiegata nel settore automotive. Appassionata di letteratura, cinema, sport, yoga, musica, imparare lingue straniere, viaggi, cibo. Tanta voglia di vivere e scrivere. Visita il mio sito di poesie mermer.home.blog
Questa voce è stata pubblicata in poesia. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Una bambola di vetro

  1. jalesh ha detto:

    La grazia mascolina a volte fa questi scherzi…ovviamente è una gran bella metafora in questi stupendi versi. Complimenti bravissima

    "Mi piace"

  2. orofiorentino ha detto:

    Sono felice di rileggerti. Versi molto veri. La loro delicatezza d’animo è simile a quella di un elefante. Non parliamo poi di quelli che trattano la donna come un oggetto. Splendidi i tuoi versi, buona giornata

    "Mi piace"

  3. tinamannelli ha detto:

    Proprio così non sanno cosa sia la delicatezza. Bravissima bei versi, complimenti ❤

    "Mi piace"

  4. oddonemarina ha detto:

    La delicatezza per loro è un optional…versi molto veri complimenti 🙂

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...