Due vite

In Emergenza 1 entra la barella del 118 con una giovane  donna di 23 anni, con i capelli corti castano chiaro, con i jeans, maglietta e scarpe da ginnastica. È in stato soporoso come annunciato da Patrizia a Giada.

“ È una ragazza che vive in una comunità di accoglienza, orfana di genitori, tossicodipendente. Ieri sera è uscita ed é rientrata tardi, stamattina non si é risvegliata e per questo hanno chiamato i soccorsi “

Introduce il caso il medico del 118. Aggiunge che ha assunto crack, e forse cannabis .

Giada è vicina alla paziente, Rita, lei è soporosa ma risvegliabile  agli stimoli verbali. Il suo volto è teso e duro, un po’ mascolino, ma si addolcisce quando si approfondisce il sopore. Una giovane  orfana che  è stata in diverse famiglie in affido ma poi abbandonata di nuovo alla comunità  per disturbo della personalità e tossicodipendenza. Vive ancora ora nella comunità ed esce ad incontrare amici, uniti nello sballo e nella droga.

Intanto in Pronto Soccorso , si accende l’atmosfera per l’arrivo di un codice rosso. Rita é monitorata nell’area di degenza a vista da Giada.

” Uomo di 30 anni,  straniero, in arresto cardio circolatorio. Stava con gli amici facendo running e si é accasciato. È stato defibrillato 7 volte ma non ha mai ripreso il ritmo. “

In Pronto Soccorso si riunisce tutta l’equipe rianimatoria e i cardiologi, é una lotta a riportare in vita il cuore fibrillante del ragazzo  ma che non risponde alle terapie. I medici non si arrendono, continua incessantemente la rianimazione avanzata, scandagliando tutte le possibili cause. Viene interrogata la moglie, che non segnala patologie a carico del marito. È uno sportivo, controllato dal punto di vista medico. Dopo 2 ore si interrompe la rianimazione e viene dichiarato l’arresto cardio circolatorio irreversibile. Tutti sono scioccati. Nelle ore successive é un via vai di gente, tutto il personale non si capacita  dell’evento  drammatico che ha colpito una giovane vita, per giunta   lontana da casa. Nel frattempo Rita si risveglia e Giada si affaccia più volte ad appurare il suo stato. Dagli accertamenti risultano positive le droghe come già comunicato e  Rita appare così piccola ed indifesa. Giada é intenerita dalla vita così persa di una ragazza che non ha mai avuto l’amore di una madre e di un padre, di non avere una casa propria e il cui futuro é solo visto in una vita sbandata. Allora Giada le ricorda che la sua vita non é definita da tutto il suo passato e che lei può pensare di trovare un lavoro, un affetto e costruire un nuovo futuro, secondo i suoi desideri. Rita l’abbraccia e la ringrazia e così si lasciano… oggi due vite, due drammi.

Pubblicità

Informazioni su mondidascoprire

donna
Questa voce è stata pubblicata in Iniziativa estiva 2019, racconto. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Due vite

  1. tinamannelli ha detto:

    Sto vivendo momenti difficili ogni giorno vivo momenti così bello e veritiero questo racconto. <<<<<<<complimenti ❤

    Piace a 1 persona

  2. mondidascoprire ha detto:

    Un abbraccio forte Tina ❤️❤️

    Piace a 1 persona

  3. jalesh ha detto:

    Due vite due storie due drammi…indiscutibile che la vita è un mistero, ma credo che chi le vive come Giada ogni giorno possa senz’altro capire ed apprezzare la fortuna che abbiamo di vivere. Complimenti davvero un insegnamento di vita i tuoi episodi sempre più significativi. Bravissima

    Piace a 1 persona

  4. simonascola ha detto:

    Storie molto attuali e veritieri

    Piace a 1 persona

  5. orofiorentino ha detto:

    Una vita spezzata e una ancora tutta da costruire se la forza di volontà prende il sopravvento. Bello scritto cara

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...