Giorni difficili

Giada in quei giorni stava pensando  che il lavoro in Pronto Soccorso non piaceva più a nessuno, nè ai medici, nè agli infermieri e neanche agli ausiliari. Negli ultimi anni c’erano  stati  diversi cambiamenti che riguardavano  da un lato il carico di lavoro, in quanto si  era definita meglio la disciplina dell’urgenza ed emergenza, un tempo gestita come luogo di smistamento verso i reparti, mentre ora  diventata una disciplina autonoma ; e dall’altro la riduzione  dei posti letti negli ospedali, la chiusura dei piccoli Presidi e quindi alla fine una disponibilità di ricovero paradossalmente inferiore rispetto al passato,  pur essendo aumentata la popolazione generale e quella soprattutto anziana , considerata la popolazione fragile e abbisognevole di continue cure. Giada avvertiva ogni giorno una stanchezza proveniente dalla continua lotta a dover trovare un posto letto , una tensione maggiore a dover risolvere e dimettere i pazienti in condizioni di sicurezza. Il motivo della violenza negli ambienti sanitari secondo lei proveniva dal disservizio e dalla sproporzione tra forza lavoro e domanda, senza che gli amministratori politici o aziendali si fossero messi al lavoro con atti veloci di risoluzione. E così da anni si procedeva in un clima incandescente, associato anche dalla pubblicità infame mandata nelle reti televisive da parte di avvocati per le denunce  contro i medici. Insomma cosa era diventata la medicina in questo tempo così confuso?

”Doc , c’è una ragazza in stato soporoso accompagnata dal 118”

continua…

Pubblicità

Informazioni su mondidascoprire

donna
Questa voce è stata pubblicata in Iniziativa estiva 2019, racconto. Contrassegna il permalink.

2 risposte a Giorni difficili

  1. jalesh ha detto:

    Davvero tempi difficili per la Sanità e soprattutto per i medici che debbono gestire il tutto con riduzione di Presidi personale e diciamo anche medicinali….sempre molto avvincenti i tuoi episodi complimenti bravissima

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...