Un giorno da ricordare 3 parte

Passo svelto mi incammino per i vicoli di questo paesino chiamando Giulietta a gran voce, lasciando mia sorella e il novello sposo a parlare con i loro ospiti.

Nel frattempo dietro un muricciolo, c’è Romeo che zuppo d’acqua ma contento di aver tratto in salvo e a riva la sua nuova fiamma; con molta delicatezza accarezza Giulietta per farla rinvenire. Non sapendo il nome, visto l’atteggiamento schivo dell’animale, prova, con quel suo fare galante, a chiamarla “Bella”.

“Bella, bella, eh dai riprenditi, non credi di far la preziosa?” Buttando sullo scherzo il grande spavento preso continuando a farle pressione sulla pancia per fare uscire l’acqua ingerita.

Come so bene, Giulietta, è di quei pochi esemplari che odia l’acqua. E quando deve fare il bagno: oltre a lavare lei allago sempre tutto il locale e noi, che proviamo a tenerla ferma, per lavarla meglio. Insomma, una bella impresa.

Ma veniamo a questa storia.

La Giulietta intanto con un moto di stizza e tosse, pare aver capito che il suo Latin Lover non è uno scocciatore ma il suo salvatore e con occhi languidi lo lascia fare fingendosi mezza morta.

“Bella cara, riprenditi, lo sai che non so ancora il tuo nome? Dai che poi ti porto a vedere una bella festa con tanto cibo da far resuscitare i morti.” Dice Romeo molto preoccupato

“Uffa che fai? Togli le tue zampacce dalla mia pancia” Brontolando ma con fare sornione di chi la sa lunga, si alza portandosi a fianco del cane annusandolo compiaciuta.

“Ok! Ricominciamo da capo, io mi chiamo Giulietta e tu?” dice al cane che ora non sa più come procedere, se ridere o arrabbiarsi, visto che la sua “Bella” sta bene e forse si sta prendendo gioco di lui come fanno alcune cagnoline. Ma qui la cosa è grave, si tratta di simulazione di annegamento, pensa Romeo.

“Bau, bau, Bella bella o come ti chiami, non osare prendermi in giro, bau, io sono un cane di tutto rispetto!!! Scuotendosi talmente tanto da innaffiare la presunzione della Giulietta con tutto l’orgoglio maschile.

“Come la fai difficile, mi sono spaventata a morte quando siamo caduti in acqua, potevamo morire tutti e tu mi hai salvato!” Dice Bella, leccandosi i baffi e il pelo del muso. Cosa che fa sempre quando è in torto marcio.

Continua…

Informazioni su chiaramarinoni

amo la musica, leggere e scrivere poesia. Ho un cane di nome yuma, sono sposata ho due figli, Non amo la falsità, l'ipocrisia. Amo vivere coi sogni
Questa voce è stata pubblicata in Iniziativa estiva 2019, racconto. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Un giorno da ricordare 3 parte

  1. jalesh ha detto:

    Stupendo dialogo fra questi due animali…molto ben articolato. Complimenti una love story interessante originale e molto particolare. Complimenti bravissima

    Piace a 1 persona

  2. Rosemary3 ha detto:

    Il racconto procede molto bene, Chiara, avvincendo sicuramente…
    Ros

    Piace a 1 persona

  3. oddonemarina ha detto:

    molto divertente complimenti Chiara

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...