Un Amore così grande…..

Finalmente dopo tre mesi Cettina riceve la prima lettera di una lunga serie da Jean. Siamo nell’estate del 1943. Catturato prigioniero e spedito in America, nel Missouri Mississipi le scrive che dopo una lunga traversata, dove si era preso la malaria, arriva finalmente in questo campo di concentramento dopo un lungo periodo in mare, ma fortunatamente insieme a suo fratello Louis, mentre l’altro fratello Antoine approda nei campi di cotone e la vita non è molto facile al sole a raccogliere cotone. Naturalmente la maggior parte della lettera era cancellata da righe nere. Ma alla fine c’era un bellissimo “Ti Amo per sempre “

continua…

Informazioni su jalesh

Jalesh (Signore protettore dell'acqua) La vita nasce dall'acqua è l'acqua è vita. Tutte le culture nella storia del nostro pianeta hanno attribuito all'acqua il più elevato valore simbolico e le hanno riconosciuto il ruolo centrale nella vita umana. Vitruvio sostiene che senza l’energia proveniente dai quattro elementi (aria-fuoco-terra-acqua) nulla può crescere e vivere; per questo una divina mens ne ha reso facile la reperibilità. L’acqua, in particolare, “est maxime necessaria et ad vitam et ad delectationes et ad usum cotidianum”, senza trascurare il fatto, dice Vitruvio, che è gratuita. Così essa non è mai una sola cosa: è fiume e mare, è dolce e salata, è nemica ed amica, è confine e infinito, è “principio e fine” dice Eraclito
Questa voce è stata pubblicata in Iniziativa estiva 2019, racconto. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Un Amore così grande…..

  1. Rosemary3 ha detto:

    Un’odissea rivissuta ai primi del novecento, durante la grande emigrazione in America e in Africa…
    Promette davvero bene questa trama: un bel lavoro!
    Ros

    Piace a 1 persona

  2. simonascola ha detto:

    Un amore che rende i giorni meno duri…alla prossima!

    Piace a 1 persona

  3. orofiorentino ha detto:

    Che dispiacere ricevere quelle lettere che poi venivano cancellate dalla censura. Prima di consegnare (o inviare) la posta ai prigionieri veniva letta e tutto quello che poteva dare un’idea di quello che non si doveva sapere pubblicamente veniva cancellato.
    Bellissimo racconto di una parte della nostra storia durante la guerra 🙂

    Piace a 1 persona

  4. chiaramarinoni ha detto:

    Ciao jalesh
    amo queste storie vissute tanto tempo fa e in periodi davvero tristi. Complimenti brava!!!
    Un abbraccio
    Chiara

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...