Un Amore così grande….

Gli incontri giornalieri alla presenza della piccola Gina che gioca tranquillamente rafforzano quel sentimento che era nato tempo fa in un vero e proprio Amore. I due ragazzi sono presi l’uno dall’altro, ma come fare ad ufficializzare questo loro Amore nascosto?
Purtroppo il Mondo sta in guerra. La campagna del Nordafrica, conosciuta anche come guerra nel deserto, fu combattuta in un teatro di guerra situato nel Nordafrica, in Egitto, Libia, Tunisia, Algeria e Marocco, in cui si confrontarono italiani e tedeschi da una parte, e gli Alleati dall’altra, durante la seconda guerra mondiale tra il 1940 e il 1943. Ma Jean non viene chiamato ancora a combattere e fremeva per poter chiedere la mano di Cettina prima che arrivasse la chiamata alle armi
Jean sottolinea a Cettina: “Hai solo 17 anni. Sarà meglio aspettare i tuoi 18 anni, che ne pensi?”
Cettina un pò perplessa e timorosa di venire scoperta replica: Hai ragione, mio padre non acconsentirebbe ad un fidanzamento a soli 17 anni” e ” Cmq siamo in guerra, forse è meglio provarci, che ne dici??.
Convinti e impauriti dalla guerra Jean non aspetta e chiede la mano di Cettina ancora 17enne.
Con tante perplessità il papà della ragazza acconsente con tanti punti interrogativi. Cettina è troppo piccola, ma Jean ha già 26 anni. Nel frattempo  i fratelli di Jean alla fine si arruolano convinti di servire la Patria. Cettina rimane sola mentre Jean viene mandato nel deserto tra la Tunisia e l’Algeria.
Dopo l’afflusso di altre truppe italo-tedesche in Tunisia che permise di fermare temporaneamente l’avanzata alleata da est e da ovest, la situazione delle forze dell’Asse precipitò nella primavera 1943. Privi di adeguati rifornimenti ed in schiacciante inferiorità numerica e materiale, le residue forze italo-tedesche, si arresero entro il 13 maggio 1943, mettendo fine alla campagna del Nordafrica.
Jean viene preso prigioniero e per parecchi mesi Cettina non sa nemmeno dove lo hanno trasferito. La lontananza cresce e rinforza l’Amore. Nel frattempo Cettina compie 18 anni.

Informazioni su jalesh

Jalesh (Signore protettore dell'acqua) La vita nasce dall'acqua è l'acqua è vita. Tutte le culture nella storia del nostro pianeta hanno attribuito all'acqua il più elevato valore simbolico e le hanno riconosciuto il ruolo centrale nella vita umana. Vitruvio sostiene che senza l’energia proveniente dai quattro elementi (aria-fuoco-terra-acqua) nulla può crescere e vivere; per questo una divina mens ne ha reso facile la reperibilità. L’acqua, in particolare, “est maxime necessaria et ad vitam et ad delectationes et ad usum cotidianum”, senza trascurare il fatto, dice Vitruvio, che è gratuita. Così essa non è mai una sola cosa: è fiume e mare, è dolce e salata, è nemica ed amica, è confine e infinito, è “principio e fine” dice Eraclito
Questa voce è stata pubblicata in Iniziativa estiva 2019, racconto. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Un Amore così grande….

  1. Rosemary3 ha detto:

    Un racconto che via via prende forma e coinvolge… Aspettiamo il seguito…
    Ros

    Piace a 1 persona

  2. oddonemarina ha detto:

    che amore intenso e per quel periodo pieno di proibizioni… ❤

    Piace a 1 persona

  3. simonascola ha detto:

    Buongiorno mia cara regista, purtroppo in questi giorni non mi è possibile stare al pc come vorrei cmq è entusiasmante e coinvolgente leggere silenziosamente tutte le interessanti trame. Complimenti

    Piace a 1 persona

  4. tachimio ha detto:

    Coinvolgente cara Jane. Interessante vedere l’evolversi di un amore in tempo di guerra. Ciao. Isabella

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...