Aspromonte: la pietra Cappa

yescalabria_pietra-cappa-aspromonte_01

Affascinante, imponente e misteriosa, quasi amletica. Così appare ai viaggiatori Pietra Cappa, il monolite più alto d’Europa che sovrasta il paese di Natile.
Il suo nome “Cappa” deriva da “coppa rovesciata”, in riferimento alla cavità interna che la contraddistingue. Le origini di questo grande masso sono davvero antiche: nei documenti medioevali si legge di pietra Gauca ovvero pietra vuota.

Una leggenda legata a Gesù ed agli apostoli aleggia in prossimità di un monolite ai piedi dell’Aspromonte. Si narra che Gesù camminava insieme ai suoi apostoli e ad un certo punto avvertirono un senso di fame. Gesù propose di fare una penitenza, invitando gli apostoli a prendere una pietra ed a portarla fin su in montagna. Tutti gli apostoli presero pietre abbastanza pesanti e si incamminarono verso la vetta. Solo Pietro prese un piccolo ciottolo e si avviò. Arrivati in cima le pietre si trasformarono in pane e mentre gli altri apostoli si ritrovarono con delle belle pagnotte, Pietro si dovette accontentare di un misero pezzo di pane, grande quanto il ciottolo che aveva trasportato. Per ricordare l’episodio Pietro chiese a Gesù di lasciare lì quella pietra e sfiorandola essa diventò gigante, al punto da ricoprire tutto il terreno circostante. Successivamente Pietro decide di imprigionare in quel masso la guardia che schiaffeggiò Gesù al Sinedrio. La leggenda narra che la guardia sia stata condannata a schiaffeggiare le pareti della roccia e che chiunque passi da lì sente i suoi lamenti e le sue grida.

pietra

Leggende
narrano fatti che sono
patrimonio del paese
Ricordi antichi
vivono.

@ orofiorentino

Pubblicità

Informazioni su orofiorentino

HO 69 ANNI, AMO LA POESIA, LEGGERE, SCRIVERE, VIAGGIARE E TANTE...TANTE ALTRE COSE
Questa voce è stata pubblicata in Iniziativa estiva 2018, Le Petit Onze. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Aspromonte: la pietra Cappa

  1. oddonemarina ha detto:

    molto interessante complimenti Oro

    "Mi piace"

  2. tinamannelli ha detto:

    Sai che non avevo mai sentito parlarne. Molto bella questa leggenda. Bravissima e complimenti ❤

    "Mi piace"

  3. jalesh ha detto:

    Quante storie nascondono anche le montagne bellissimo post. Bravissima

    "Mi piace"

  4. Un’altra bella storia che non conoscevo, grazie Oro.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...