Granada

 

  Chi   non   ha   visto   Granada,   non   ha   visto   nulla”:

così   recita   un   noto   detto   spagnolo.   E   in   effetti,   il   capoluogo,   dominato   dall ‘ Alhambra,   uno   degli   edifici   più   visitati   al   mondo,   caratterizza   l’intero   aspetto   di   questa   provincia   andalusa   come   nessun   altro.   In   realtà   anche   il   territorio   circostante   ha   il   suo   fascino:   la   Sierra   Nevada,   con   le   sue   cime   imbiancate,   che  in   vaste   aeree   è   stata   proclamata   riserva   naturale,   consente   memorabili   escursioni.   Nelle   propaggini   meridionali   della   Sierra      si   fonde   il   fertile  territorio   montano   delle   Alpujarras,   che   fu   l’ultimo   rifugio   dei   Mori,   scacciati   da   Granada.   La   bellezza   e   la   grazia   di   questa   città   sono   state   spesso   lodate ,   e   in   effetti   molto   alte   sono   le   aspettative   di   chi   vi   giunge,   attese   tuttavia   smorzate   all’ arrivo,   dal    triste   impatto   con   i   casermoni   della   periferia.   La   prima   impressione   è   in   linea   di   massima   deludente :   Granada   è   rumorosa,   la   qualità   dell’aria   pessima,   le   strade   intasate.   Ci   vuole   tempo   per   comprendere  la   descrizione   più   azzeccata   di   questo   luogo   ”Quando   per   le   strade   di   Granada   incontri   un   cieco   che   chiede   l’elemosina,   dagliene   il   doppio,   perché   è   ancor   più   triste   non   poter   vedere   tutta   questa   bellezza”.

Le   sue   bellezze   infatti  non   si   scoprono   al   primo   incontro.   Si   familiarizza   con   lei   a   poco   a  poco,   notando   come   il   suo   passato   moresco   l’abbia   forgiata   in   maniera   indelebile.   Ecco   allora,   per   voi,   amigos,   l’  Alhambra

”   Il   Sabikah   è   una   corona   sopra   la   fronte   di   Granada   e   l’ Alhambra (  che   Allah   la   protegga   )   è   il   rubino   sulla   sommità   della   corona  ”.

Forse   il   più   celebre   palazzo   monumentale   al   mondo,   l’ Alhambra   appare   in   lontananza   come   una   semplice   fortezza.   Si   staglia   ben   visibile   dinanzi   alla   Sierra   Nevada,   ma   nulla   fa   prevedere   quanta   bellezza,   quanta   grandiosità   sfarzosa   ci   sia   all’interno.   Il   suo   nome   deriva   dall’arabo  Qalat-al Hambra,   che   significa   ”la   Rocca   rossa”   e   l’appellativo   è   probabilmente   da   collegare   al   colore   del   terreno   circostante.   Mentre   gli   Ziridi    nell’XI   secolo   risiedevano   ancora   sul   fronteggiante   colle   dell’ Albaicin  ,   il   loro   visir   ebreo ,    Yusuf   Ibn   Nagralah,    si   fece   costruire   per   primo   un   palazzo  fortificato   sulla   collina   che  i   Mori   chiamavano   al-   Sabikah.   La   posizione   strategica   del   colle   più   elevato   della  città  –  irraggiungibile    da   nord   e   da   ovest,   mentre   a   est   è   separato   dalla   vicina   montagna   solamente   da   una   stretta   gola  –  lo   rendeva   il   sito   ideale   per   la   residenza   del   sovrano   in   tempo   di   guerra.   Muhammad   I   (   1238  –  73  )   primo   re   nasride,   fece   costruire   sul   lato   occidentale   del   colle   l’ Alcazaba   ,   stabilendo   poi   che   fosse   cinta   da   un   altro   sistema   di   mura   difensive.   Inoltre,   grazie   alla   sistemazione   di   cisterne,   e   alla   costruzione   di   acquedotti,   pose   le   premesse   per   un   sufficiente   approvvigionamento   idrico.   Sotto   i   suoi   seguaci,   la   struttura   venne   ulteriormente   ampliata   e   abbellita,   con   l’aggiunta   anche   di   un   nuovo   e   splendido   giardino :   il   Generalife.   Oggi   dell’originaria   cittadella   fortificata   rimane   solo   una   minima   parte,   ma   fortunatamente   comprende   ancora   l’ elemento   più   splendido,   e   cioè   l’antico   palazzo  reale  risalente   al   regno   di   Yusuf   I    (   1333- 54 )   e   Muhammad  V  (   1354  –  59 ;   1362  –  91  )

notizie   da   Arte   e   Architettura   Andalusia   –   Brigitte   Hintzen – Bohlen

L’   interno   della   grande   reggia   è   il   trionfo   di   due   elementi   :   il   primo   è   l’acqua,   profusa   nei   patii   e   nei   giardini,   come   elemento   decorativo   di   grande   ricchezza.   Il   secondo   è   la   tipica   decorazione   araba,   a   stalattiti,   a   decori   ottenuti   con   i   versetti del   Corano,  e   soprattutto   con   le   ceramiche  invetriate,   i   caratteristici   azulejos,    di   cui   ho   in   mente   di   parlarvi   più   in   là   magari.

L’  acqua   è   sempre   stata   per   gli   Arabi,   provenienti   da   una   regione   aridissima,   un   simbolo   di   ricchezza   e   prosperità   :   il   suo   uso   decorativo   era   considerato   un   lusso   tra   i   lussi.   Per   questo   nell’   Alhambra   grande   spazio   è   lasciato   a   vasche   e   fontane,   che   ornano   i   patii   e   rinfrescano,   con   lo   scorrere   del   prezioso   fluido,   i   giardini   della   residenza   reale.   Altrettanto   importante   è   la   presenza,   all’interno   di   motivi   decorativi   geometrici   (   la   religione   islamica   vieta   la   raffigurazione   umana,   così   tipica   dell’arte   cristiana  ),   spesso   affidati   a   piastrelle   colorate,   appunto   gli   azulejos   ,     che   danno   vita   a   veri   e   propri   tappeti   di   ceramica,   dal   grande   effetto   decorativo   e   di   notevole   impatto   visivo.   E’   proprio   questo   tipo  di   abbellimento   a   dare   alla   reggia   il   suo   carattere   inconfondibile   e   a   creare   gli   effetti   più   sontuosi   e   stupefacenti.   I   raffinatissimi   stucchi,   che   ricoprono   le   superfici   di   pareti   ed   archi,   ripetono   motivi   vegetali   e   floreali   o   iscrizioni   calligrafiche.

notizie   da   Castelli   d  ‘ Europa –  misteri ,   storie   e   leggende   scritte   nella   pietra   –   De   Agostini

E   ora   mie   cari   vi   lascio   una   poesia   del   grande   poeta   andaluso,   nato   proprio   a   Granada,    Federico  Garcia   Lorca.   Una    poesia  che  è   un   canto   a   Granada ,   ai   suoi   fiumi,  e   nello   stesso   tempo   un   lamento   d’  amore.

Visualizza immagine di origine

commons.wikimedia.org

Piccola   ballata   dei   tre   fiumi

Il   fiume   Guadalquivir

scorre   tra   olivi   e   aranci.

I   due   fiumi   di   Granada

vanno   dalla   neve   al   grano.

Ah   amore

fuggito   e   non   tornato !

Il   fiume   Guadalquivir

ha   la   barba   granato.

I   due   fiumi   di   Granada,

l’ uno   sangue   l’ altro   pianto.

Ah   amore

fuggito   per   l’aria !

Per   le   barche   a   vela,

Siviglia   ha   una   via;

per   l’ acqua   di   Granada,

remano   solo   i   sospiri.

Ah   ,   amore

fuggito   e   non   tornato  !

Guadalquivir,   alta   torre

e   vento   tra   gli   aranceti.

Dauro   e   Genil,   torrette

morte   sugli   stagni.

Ah,   amore

fuggito   per   l’aria !

Chi   dirà   che   l’ acqua   porta

un   fuoco   fatuo   di   grida  !

Ah,   amore,

fuggito   e   non   tornato  !

Porta   zagare,   porta   olive   

Andalusia,  ai   tuoi   mari !

Ah,   amore

fuggito   per   l’ aria !

Federico   Garcia   Lorca

Petit   onze

Granada
terra   caliente   che   i   gitani
rendono   ancor   più
calda   col
flamenco

Isabella   Scotti   giugno   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Finisce   qui   il   tour   andaluso   nelle   città   di   Cordoba,   Siviglia   e   Granada.   Ma   non   finirà   il   racconto   di   altre   interessanti   notizie.   Se   tarderanno   a   venire,      è   perché   dovrei   ripartire.   Ma   voi   sapete   che   per   me   ogni   promessa   è   debito.   Un   abbraccio   a   tutti.   La   vostra   Isabella

Informazioni su tachimio

Buongiorno a tutti. Sono Isabella l'autrice di ''Miscellanea- Visioni e palpiti del cuore-pensieri nascosti sotto forma di parole''.Sono una donna di 59 anni, sposata dal 1975 con due figli grandi: Chiara,ballerina professionista di danza contemporanea dedita oggi all'insegnamento , sposata, e Andrea, laureato in economia vicino a diventare dottore commercialista a tutti gli effetti. Mio marito ingegnere è oggi tranquillamente(si fa per dire) in pensione.Ho detto ''si fa per dire'' visto gli impegni che si è creato per non rimanere sempre a casa(vedi amici ect.) Insomma una bella famiglia con a carico anche un gatto un pò vecchiotto e ora con qualche problemino di salute.Ho scritto questo libro senza sapere di essere ''portatrice sana'' di parole che sono uscite così, per caso, ma che una volta fuori, non ho potuto più controllare. Ora spero che qualcuno di voi possa essere interessato alla sua lettura.Posso solo dire che mia figlia con la sua vita di artista, ha senz'altro influenzato un pò la mia nel farmi apprezzare, attraverso la danza, l'arte e in generale il ''bello'' che si trova in ogni forma espressiva(retaggio anche della mia cultura classica).Con questo spero siate in tanti a leggere il libro.A presto Isabella
Questa voce è stata pubblicata in Iniziativa estiva 2018, Le Petit Onze, video. Contrassegna il permalink.

16 risposte a Granada

  1. silviatico ha detto:

    Grazie di cuore per questo viaggio generoso offerto attraverso i vs occhi, parole e versi…
    Un bacio scintillante di stelle…

    Piace a 1 persona

    • tachimio ha detto:

      Mio caro dolce messere, vedete, mi piace viaggiare e non solo. Mi piace, laddove è possibile, arricchire il mio viaggio con ciò che vi ruota attorno. Che si tratti di musica o versi tutto aiuta a rendere magico il mio viaggio. Grazie per le vostre parole che mi dicono che non sbaglio. Vi bacio teneramente accarezzandovi e scompigliando i vostri capelli. Monna Isabella

      Piace a 1 persona

  2. jalesh ha detto:

    Una carrellata straordinaria dve non manca nulla dalla poesia alla descrizione di Granada alla voce possente di Domingo al tuo bellissimo Petit Onze complimenti bravissima

    Piace a 1 persona

  3. tinamannelli ha detto:

    Di tutto e di più .. Stupendo post su Granada, bellissimi i versi di Lorca e stupendo il tuo Petti Onze. Complimenti, bravissim ❤

    Piace a 1 persona

  4. 65luna ha detto:

    Grazie Isa, ci stai facendo fare un fantastico tour! 65Luna

    Piace a 1 persona

  5. Daniela ha detto:

    bellezza richiama e suggerisce altra bellezza…descrizione, musica, fotografia e poesia, un vero condensato di meraviglie.Brava Isabella, buon weekend

    Piace a 1 persona

  6. oddonemarina ha detto:

    ottimo e bellissimo post complimenti

    Piace a 1 persona

  7. Rosemary3 ha detto:

    Post dettagliato e completo su Granada, altra splendida città dell’Andalusia… Bellissimi versi descrittivi… Stupendo video…
    Ros

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...