Siviglia

Catedral   de   Santa   Maria  –    foto   di   Andrea

La   corrida

Ecco,
il  toro
entra  nell’arena.
Guardingo,
furtivo,
si  aggira
fiutando  nell’aria
qualcosa  di  strano.
Non  sa
di  preciso
cosa  sia
ma  è  nervoso,
infastidito.
Sbuffa
con  le  grosse  narici
aspettando…
Improvvisamente
i  cancelli
si  aprono
e  il  torero
fa  il  suo  ingresso
nell’arena.
Ora  sono  soli,
lui  e  l’uomo
in  quell’ampio  spazio
polveroso.
L’uno 
davanti
all’altro.
Il  toro
avverte
lo  sconosciuto,
tutto  bardato
in  un  costume
scintillante,
quasi   fosse
una   festa,
come  nemico,
e  lo  guarda   ormai
con  diffidenza.
Gli   gira  intorno,
lo  scruta,
lo  annusa.
Ora,
sa
cosa  lo  attende
e  come  deve  difendersi.
Non  ci  sono
alternative.
Ora
sa
che
o  lui
o  il  torero
non avrà  scampo,
rimarrà  lì,
steso
immobile
nella  polvere.

Isabella   Scotti   giugno   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Siviglia,   la   più   grande   città   andalusa,   vive   ancora   oggi   della   sua   fama   passata,   quando   il   Guadalquivir    la   tramutò   per   più   di   200   anni,   nella   porta   d’ingresso   al   Nuovo   Mondo   durante   l’ era   delle   grandi   scoperte,   facendo   della   città   un   fiorente   centro   commerciale.   A   Siviglia,   sono   legati   il   flamenco,   le   corride    più   prestigiose   dell’intera   Spagna,   che   si   svolgono   nella   grande   e   antica   Arena   di   Plaza   de   Toros   de   la   Real   Maestranza   de   Sevilla,   la   Carmen,   il    Don   Giovanni    e   il   celebre   barbiere  ,   ma   anche   lo   stridente   contrasto   di   passione   e   allegria   sfrenata,   esemplificato   da   un   lato   dalla   Semana   Santa,   la   Settimana   Santa,   e   dall’ altro   dalla   Feria   de   Abril   ben nota   anche   oltre   i   confini   dell’ Andalusia.   Il   capoluogo   andaluso    con   i   suoi   700.000   abitanti   è   attualmente   sede   del   Parlamento   e   della   Repubblica   autonoma.   Tristi   quartieri   periferici   di   recente   costruzione   contrastano   con   i   bei   barrios  (  quartieri  )    della   città   vecchia,   dove   ovunque   ci   sono   tracce   artistiche   del   passato.   Il   paesaggio   urbano  è   caratterizzato   da  innumerevoli   aranci   piantati   ai   lati   degli   ampi   viali,   che   in   primavera   diffondono piacevolmente   il   loro   profumo   contrastando   con   l’odore   di   autovetture   che   rendono   il   traffico   cittadino   caotico.   Su   una   delle   antiche   porte   della   città   è   riassunta   in   poche   parole   la   sua   storia :

”Ercole   mi   edificò,   Cesare   mi   cinse   di   mura   e  torri,   il   re   santo   mi   espugnò  ”.

Nel   45   a. C   durante   la   guerra   contro   Pompeo ,   Cesare   ordinò   che   Hispalis   fosse   cinta   da   mura   difensive,   elevandola   così   al   rango   di   Colonia   Iulia   Romana ;   il   suo  porto   assunse   un   ruolo   di   primaria   importanza   per   l’esportazione   di   merci   verso   Roma,   in   modo   particolare   per   l’olio  d’oliva   trasportato   in   anfore.   Nel   461   Siviglia   vide   il   fiorire   della   personalità   eccezionale   di   sant’ Isidoro   (   556- 636  )  .   Il   celebre   arcivescovo   che   aveva   acquisito   grande   notorietà   per  aver   scritto   un’ opera   enciclopedica   sulla   cultura,   la   religione   e   la   filosofia   antiche   e   cristiane,   divenne   il   rettore   della   scuola   di   Siviglia.   Il   periodo   comunque   della   maggior   fioritura   della   città,   corrispose   alla   scoperta   da   parte   di   Cristoforo   Colombo,   del   Nuovo   Mondo.   Essa   divenne   infatti   sede   della   Casa   de   Contrataction,   l’istituto   statale   dedito   al   commercio   e   alla   finanza,   e   conseguentemente   unico   luogo   di   scambi   commerciali   con   le   colonie   d’ oltremare.   Nel   1717,   dopo   aver   importato   ingenti   quantitativi   d’oro   ed   argento   trasportati   su   galeoni   e   dopo   la   terribile   epidemia   del   1649,  ci   fu   un   graduale   insabbiamento   del   Guadalquivir   che   costrinse   Siviglia   a   cedere   lo   scettro   a   Cadice   per   il   monopolio   commerciale   con   l’ America.   Piano,   piano   vi   fu   un   lento  ma   graduale   declino   che   però   vide   nel   XVII   un   rifiorire   di   vita   culturale   grazie   ai   numerosi   artisti   che   la   resero   nuovamente   famosa   a   cominciare   dal   grande  pittore   Diego   Velazquez    chiamato   anche   alla   corte   reale   di   Madrid    senza   dimenticare   anche   il   famoso   Don   Chisciotte,   scritto   da   Miguel   de   Cervantes,   mentre   era   imprigionato   nelle   carceri   della   città.

Parlare   di   Siviglia   non   è   semplice,   troppo   grande   la   storia   dei   suoi   palazzi   ad   esempio.   Per   cui   avrei   pensato   di   fermarmi   qui   con   la   città,   parlando   solo   due   minuti   de   la   Catredal   de   Santa   Maria.

L’8   luglio   1401,   il   capitolo (  collegio   di   canonici )   del   duomo   di   Siviglia   raggiunse   la   decisione   di   ”  costruire   una   chiesa   così   bella   che   nessun’ altra   le   si   possa   paragonare  ,   così   grande   e   di   dimensioni   tali   che   tutti   coloro   che   la   vedranno   dovranno   pensare   che   eravamo   matti  ”.

La   nuova   costruzione   venne   motivata   dal   fatto   che la   vecchia   moschea,   fin   dai   tempi  della   Reconquista   di   Ferdinando   III   nel   1248,   iniziava   a   mostrare   segni   di   decadenza   e   non   avrebbe   certo   retto   ad   un   terremoto.   Molto   più   probabile   che   si   volesse   superare   in   splendore,   il   simbolo   della   Chiesa   Spagnola,   il   Duomo   di   Toledo.   A   differenza   delle   ampie   chiese   reali   francesi,   che   seguono   lo   schema   della   basilica   con   tre   o   cinque   navate,   e   un   deambulatorio   classico,  la   cattedrale   di   Siviglia   risponde   ad   una   tipologia   autonoma,   diffusasi   soltanto   in   Spagna:   è   infatti   concepita   come   una   basilica   simile   ad   un’ ampia   aula   inserita   in   un   perimetro   quadrato   che   probabilmente   si   rifà   ad   una   moschea   moresca.   Le   sue   cinque   navate   hanno   una   lunghezza   di   circa   126   metri   e   comprendendo   la   navata   centrale   e   quelle   laterali   e   le   cappelle   inserite   tra   i   contrafforti ,   raggiungono   una   larghezza   di   circa   82   m,   impossibile   da   trovare   in   altre   chiese.   Il   coro   e   la   Capilla   Mayor,   posizionati  nella   navata   centrale,   a   est   e   ovest   rispettivamente   del   quadrato,   contribuiscono  a   dare   l’impressione  di   un   corpo   estraneo,   chiuso   in   se   stesso,   che   assomiglia   ad   una   meravigliosa   stanza   del   tesoro.   Costruzioni   successive   si   vanno   ad   incastonare   nella   base   gotica  :   la   Capilla   Real    nell’abside   orientale,   su   di   una   cappella  più   antica,   mentre   nella   parte   meridionale   furono   erette   nel   XVI   secolo   la   Sacristia    Mayor   e   la   sala   del   capitolo,   nel   XVII   e   XVIII   secolo   fu   la   volta   del   complesso   barocco   destinato   all’amministrazione.

Notizie   riprese  dal   libro   Arte   e   Architettura   – ANDALUSIA  –   Brigitte   Hintzen-   Bohlen

Plaza   de   Espagna  –  foto   di   Andrea

Alla   prossima   con   Granada

Informazioni su tachimio

Buongiorno a tutti. Sono Isabella l'autrice di ''Miscellanea- Visioni e palpiti del cuore-pensieri nascosti sotto forma di parole''.Sono una donna di 59 anni, sposata dal 1975 con due figli grandi: Chiara,ballerina professionista di danza contemporanea dedita oggi all'insegnamento , sposata, e Andrea, laureato in economia vicino a diventare dottore commercialista a tutti gli effetti. Mio marito ingegnere è oggi tranquillamente(si fa per dire) in pensione.Ho detto ''si fa per dire'' visto gli impegni che si è creato per non rimanere sempre a casa(vedi amici ect.) Insomma una bella famiglia con a carico anche un gatto un pò vecchiotto e ora con qualche problemino di salute.Ho scritto questo libro senza sapere di essere ''portatrice sana'' di parole che sono uscite così, per caso, ma che una volta fuori, non ho potuto più controllare. Ora spero che qualcuno di voi possa essere interessato alla sua lettura.Posso solo dire che mia figlia con la sua vita di artista, ha senz'altro influenzato un pò la mia nel farmi apprezzare, attraverso la danza, l'arte e in generale il ''bello'' che si trova in ogni forma espressiva(retaggio anche della mia cultura classica).Con questo spero siate in tanti a leggere il libro.A presto Isabella
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

11 risposte a Siviglia

  1. oddonemarina ha detto:

    un post enorme ma esplicativo, non concordo con la corrida…sarà il loro sport nazionale, ma aborro uccisioni o ferite inutili …scusa…cmq bravissima Isabella

    Piace a 1 persona

    • tachimio ha detto:

      I post enormi sono la mia passione. Anche sul mio blog scrivo post enormi. ( non sempre ). Anche se lo trovo un po’ faticoso, mi diverte. Per quanto riguarda le corride scrivendo quella poesia non era per osannarle, anzi il contrario. E’ semplicemente un raccontare la corrida dalla parte del toro. Null’altro. Grazie Marina. Isabella

      "Mi piace"

  2. jalesh ha detto:

    Un meraviglioso post su Siviglia sulla corrida, che non condivido nemmeno io, interessante ed esaustivo .Complimenti per la foto di Andrea e per i tuoi bellissimi versi descrittivi. Bravissima

    Piace a 1 persona

  3. Rosemary3 ha detto:

    Splendida Siviglia, resa incantevole dal tuo post, versi compresi…
    Ros

    "Mi piace"

  4. 65luna ha detto:

    Brava! 65Luna

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...