La cavallerizza

Rosaura accudiva i suoi cavalli personalmente, soprattutto Albios, lo aveva chiamato così per il suo manto bianco, la criniera e la lunga coda di un eccezionale candore, che ricordava il leggendario cavallo comparso sulla terra nell’avvento di Cristo. Era snello e possente, dal portamento fiero ed elegante, quando entrava in pista lasciava tutti sbalorditi per la perfetta bellezza. Rosaura quella mattina sentiva che Albios aveva qualcosa di diverso. Aveva degli scarti continui, soprattutto se lei lo accarezzava, ne era stupita, lei e il cavallo erano come una cosa sola. Pensò che doveva parlarne col veterinario. C’era grande attesa in città per il primo spettacolo e già tanta gente faceva la fila al botteghino. Dopo tanti anni il teatro Garibaldi  tornava ad essere circo, erano state tolte le poltrone della platea, fissati al tetto i trapezi. Rosaura, nata e cresciuta nel circo figlia di un trapezista russo e di una cavallerizza italiana, sin da piccola aveva seguito la madre e da lei aveva imparato i primi esercizi. Crescendo era diventata sempre più brava, nei suoi numeri c’era arte, armonia e perfezione. Ormai tutto il mondo l’applaudiva e per la sua enorme bravura che per la dolce bellezza. Corpo snello e minuto, aveva la grazia di una ballerina classica, ma un carattere forte e deciso. La giornata scivolò verso la sera, fra prove e attimi di riposo. Dopo un leggerissimo pasto si preparò per lo spettacolo. Le lunghe trecce formavano come una corona, rendendola ancora più affascinante, indossò la leggerissima tuta nera colma di lustrini. 

continua…..

Ma.Vi

Immaginando di essere uno scrittore

Immagine quicosenza.it

Pubblicità
Questa voce è stata pubblicata in post guidato, racconto. Contrassegna il permalink.

3 risposte a La cavallerizza

  1. oddonemarina ha detto:

    molto interessante, attendo il seguito…complimenti bravissima per l’originalità

    Piace a 1 persona

  2. jalesh ha detto:

    Intrigante come trama….ricco di avvenimenti certamente non quotidiani per alcuni…aspetto con impazienza il seguito. complimenti

    Piace a 1 persona

  3. Rosemary3 ha detto:

    Un prologo che ben promette… si attende il prosieguo…
    Ros

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...