Mare

Seduto, raccolto in me stesso, osservo lo spazio. Guardo il panorama attorno a me e lo scorrere del tempo. C’è in questo istante un frammento di massima sospensione, una pausa dell’essere, lasciare che il mondo scorra…
La dimensione della vacanza è tutta lì, attorcigliata da quei raggi di sole che battono l’ombra, che si sfrangiano in piccole pause di luce. C’è un immenso spazio di fronte a me che è il mare.
Dal tavolo della terrazza del bar lo sento infrangersi, colgo la spuma e il biancore dell’onda.
Gli schizzi di bianco che esplodono contro gli scogli, il colore blu del mare che si stempera nel bianco.
All’orizzonte cielo e mare si coniugano come un lenzuolo teso. Sento il rumore forte dell’onda, ho interrotto la lettura e sto cullando lo sguardo in quell’immensità viva.
Il mare si muove assecondando il suo respiro. I brusii delle persone sedute ai tavoli attorno a me si perdono, soffocati da questo ritmo antico.
Il sole folgora lo spazio, è una luce che satura la terra e il mare.
All’orizzonte, una vela, un punto di bianco che si muove in una tavolozza di azzurro.
Anche l’aria partecipa a questo rito, l’odore di salso satura le narici, mentre piccole particelle di sale si depositano sulla pelle. L’istante arresta il tempo, il ritmo dell’onda.
Sulla spiaggia, una barca da pesca con un remo appoggiato a fianco di una rete, sono protagonisti muti di questa realtà, di questo spazio che penetra la mente e confonde lo sguardo.
C’è una grande bellezza in questo momento, un fermo immagine della memoria. Vorrei avere la leggerezza di un gabbiano per poter volare su questo spazio aperto, abbandonare la sabbia della riva e vagare in questo blu che attornia, fagocita, sino a far perdere i confini e i punti cardinali.

Perdersi per sempre in questa immensità.

fotografia dell’autore

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in mini racconto. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Mare

  1. jalesh ha detto:

    La descrizione del mare e delle sensazioni ed emozioni che si provano osservandolo sono a dir poco straordinarie. Splendida l’immagine di questo gabbiano che si libra nell’aria ammirando e perdendosi nell’immensità di questa tavola blu. Bravissimo sei davvero Grande Rinaldo. I miei complimenti un applauso. Notte bisous

    Mi piace

  2. oddonemarina ha detto:

    Concordo, lo spirito di osservazione ha esaltato questo post…bravissimo Rinaldo

    Mi piace

  3. orofiorentino ha detto:

    Splendido, come sempre mi lasci a bocca aperta 🙂

    Mi piace

  4. tinamannelli ha detto:

    Uno stupendo quadro. Parole che si fanno pennellate, colori e sensazioni, uno scritto davvero benissimo. Hai un gran dono Rinaldo, sai emozionare. Complimenti di cuore 😊

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...