Campane a morto

Presi il mio cuore
e lo posi nella mia mano
lo guardai come chi guarda
grani di sabbia o una foglia.
Lo guardai pavido e assorto
come chi sa d’essere morto;
con l’anima solo commossa
del sogno e poco della vita
FERNANDO PESSOA
(Lisbona 1888 – 1935)
Annunci

Informazioni su Daniele Nani Cerva

Scrivo per passione, per esprimere le emozioni che popolano la mia anima. Scrivo per dare agli altri qualcosa di me. Scrivo perchè se non scrivessi non vivrei.
Questa voce è stata pubblicata in poesia d'autore. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Campane a morto

  1. jalesh ha detto:

    Stupenda poesia di Fernando Pessoa. Grazie Daniele ❤

    Liked by 1 persona

  2. tinamannelli ha detto:

    Triste e bella ma questo è Pessoa. Grazie per la condivisione 😊

    Liked by 1 persona

  3. orofiorentino ha detto:

    Una splendida poesia di Pessoa, bella quanto triste.

    Liked by 1 persona

  4. 65luna ha detto:

    Inchino Daniele per le tue scelte. 65Luna

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...