Sandrino.. per gli amici


Oggi il mare  non è  proprio calmo, fa molto caldo  ma ci sono nuvole in cielo che sfoggia un incredibile grigio-azzurro. Essendo un cronista, anche se in vacanza, istintivamente osservo tutto quel che mi circonda. La spiaggia è  già  affollata, mamme in bikini che fanno concorrenza alle figlie, signore in sovrappeso che cercano di nascondere in chili in più, con colorati pareo. Già  sento rimbalzare la pallina sul tamburello. Il fusto dell’ombrellone accanto ascolta musica e gonfia il petto. Ci verrebbe un colorato articolo… sorrido. Ho notato un gruppetto di ragazzi e ragazze accompagnati da alcuni assistenti.  Sorridono felici mentre si spalmano la crema. Li guardo con tenerezza, li vedo seduti sul bagnasciuga, ridono al contatto dell’onda,  quando arriva a bagnare i piedi. Sono davvero ragazzi speciali i down. Una famigliola, mamma, papà  e figlia, decidono di entrare in acqua. Se ne stanno vicino alla riva. Le onde sono alte ora, guardo con apprensione quelle onde spumose, vedo la bambina scomparire. Mi alzo e corro chiamando  il bagnino. Ma non ho il tempo di arrivare che vedo uno dei ragazzi down tuffarsi. Anche i due bagnini si tuffano. Il mare sembra proprio nervoso. I grandi vengono portati a riva,  la bimba non si vede e neanche il ragazzo. Siamo tutti spaventati, preoccupati. I bagnini tornano in mare ed ecco che vedo il ragazzo nuotare con un solo braccio, con l’altro  sorregge la bimba. Quando finalmente escono dall’acqua  l’applauso  copre il rumore del mare. Tutti a gridare – Bravo – Sei un eroe- lui sorride felice. Mi avvicinò gli stringo la mano e gli chiedo come si chiama mi dice che il suo nome è  Alessandro ma per gli amici “Sandrino”. Comincio a fargli domande e lui sempre sorridendo,risponde. Ha 16 anni, frequenta una scuola professionale. – Mi piace lavorare la creta, e mi piace dipingere- Gli chiedo se incontra difficolta’ con gli  altri, mi guarda  – Qualche stupido si incontra sempre-. Lo abbraccio e gli dico di comprare il giornale, il giorno dopo. Prendo le mie cose e corro in redazione. Sarà  un articolo semplice ma colmo di gratitudine per questo ragazzo e per tutti i ragazzi down. Quel cromosoma in più  li rende davvero speciali.

Ma.Vi

Immaginando di essere un cronista

Immagine in rete

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in mini racconto, post guidato. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Sandrino.. per gli amici

  1. jalesh ha detto:

    Un’ avventura a lieto fine fortunatamente da raccontare e scrivere sul giornale. Complimenti bravissima

    Liked by 1 persona

  2. orofiorentino ha detto:

    Veramente un bel racconto che parla di quei giovani meravigliosi. Bravissima Tina

    Liked by 1 persona

  3. oddonemarina ha detto:

    molto molto bello…

    Liked by 1 persona

  4. 65luna ha detto:

    Mi ha emozionato, bello! 65Luna

    Liked by 1 persona

  5. tachimio ha detto:

    Brava Tina.Sempre vivace immaginazione. Isabella

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...