Sapeva farsi amare

Fu
avversario abile e coraggioso
un grande generale
questo disse
Churchill

Uomo
soldato di forte personalità
servì la patria
non il
regime
Ma.Vi

“Rommel sapeva come far sentire un uomo immortale” queste parole furono dette dal Maggiore von Mallenthin, durante la campagna d’Africa. Rommel viveva con i suoi soldati, con loro parlava, mangiava, passava ogni momento possibile,  affrontava con loro il pericolo in trincea. Si creò un legame unico tra la “Volpe” e i soldati semplici. Si era nel 1941, riuscì a riorganizzare le truppe, sopratutto quelle italiane, e cominciò ad andare avanti con i suoi panzer, vittorie e sconfitte sino ad arrivare in Libia. Rientrò in Germania e qui ricevette il Bastone di Feldmaresciallo, chiese nuove truppe per rintrare in Africa e concludere la  campagna. Ma non fu ascoltato, il paese era impegnato sul fronte russo per cui nulla si poteva fare se non accontentarsi di quello che aveva già. Rientrato in Africa la prima sorpresa l’ebbe venendo a conoscenza che le truppe inglesi si erano rafforzate. Ad El Alamein Rommel viene sconfitto da Montgomery. E’ in difficoltà, poco carburante, nessun cambio di uomini. Nella seconda battaglia di El Alamein, fu la divisione della corazzata italiana Ariete che diede prova di grande coraggio e Rommel li elogiò , ma ci fu la sconfitta, Rommel, malgrado Hitler e Mussolini pressassero per continuare, dovette ritirarsi per circa duemila chilometri fino in Tunisia.Arrivati si imbatterono nel Secondo Corpo d’Armata Statunitense. Rommel li affrontò nella battaglia di Kasserine. Ottenne dei successi, inflisse pesanti perdite, ma poi dovette ripiegare a causa della netta inferiorità di uomini e mezzi. Chiese ancora una volta un aiuto, ma anche questa volta ma non viene ascoltato. Si ammala e rientra in Germania, le truppe si arrendono, ormai il Canale di Sicilia è controllato dagli alleati, per cui è impossibile ricevere rifornimenti. Rommel per un certo tempo resta inattivo. Da qui comincia la fase discendente dell’uomo che per coraggio, intelligenza e astuzia fu ammirato da tutti sopratutto dal nemico.

Ma.Vi

Immagine HISTORY IN IMAGES

Questa voce è stata pubblicata in Le Petit Onze, pensiero, post guidato. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Sapeva farsi amare

  1. jalesh ha detto:

    Bella dissertazione sulla vita militare di Rommel abbinata ad una serie di Petit Onze. Complimenti bravissima

    Piace a 1 persona

  2. Rosemary3 ha detto:

    Un’argomentazione che indubbiamente impreziosisce il petit onze da supporto…
    Ros

    Piace a 1 persona

  3. orofiorentino ha detto:

    Bellissimi versi e importante dissertazione sul personaggio militare: Rommel…vero grande soldato.

    Piace a 1 persona

  4. oddonemarina ha detto:

    bravissima splendido petit onze e ben spiegato il post … complimenti

    Piace a 1 persona

  5. Rakel ha detto:

    Molto interessanti queste tue ricerche, ben argomentate i tuoi Petit -Onze.
    ciao Rakel

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...