Custer e gli indiani

Il “Generale” Custer fu davvero un grande? Da quello che ho potuto capire, fu senz’altro un uomo di coraggio ma non uno stratega. Era molto benvoluto dai politici di allora che lo salvarono spesso dai guai. I giudizi su di lui sono molto contrastanti, e su quello che veramente accadde ci sono molte incertezze e altrettante supposizioni. Anche la sua morte non è molto chiara, fu ucciso ma non subì le mutilazioni che di solito gli indiani riservavano al nemico. Non gli fu tolto lo scalpo, probabilmente non fu riconosciuto in quanto aveva tagliato i suoi lunghi capelli. Nella guerra di secessione ebbe qualche successo, ebbe anche il grado “brevet” di maggiore generale solo perchè in certe occasioni
potesse prendere delle decisioni. Alla fine della guerra tornò al suo grado di capitano e poi venne promosso tenente colonnello della Cavalleria. Nel 1867 viene destinato ad ovest per prendere parte alle guerre indiane. Qui, per me, cominciano i suoi errori. Prima di tutto a mio modesto avviso, si poteva  convincere questo popolo in maniera diversa, invece fu decimato, oggi i veri americani si contano sulle dita di una mano. La famosa battaglia di Litle Bighorn dove morì Custer e i suoi uomini, fu tutto un errore. Non ascoltò i consigli, disubbidì agli ordini, non ascoltò le guide e risultato fu il massacro. Quando arrivarono i rinforzi tutto era finito Custer ed un fratello vennero sepolti in una fossa, mentre gli altri corpi vennero coperti da uno strato di terra. Questo accadeva nel 1876, solo un anno dopo, il 10 ottobre 1877 vennero recuprati i resti di Custer e sepolti con tutti gli onori nel
cimitero dell’accademia militare di West Point, dove ancora oggi riposano. Sulla tomba fu posta una statua bronzea che non fu gradita dalla moglie Elizabeth Bacon Custer, per cui fu rimossa, oggi al suo posto c’è un obelisco. Custer, chi fu veramente? Il mio unico pensiero va a tutti gli uomini, donne e bambini di un popolo che amava la propria terra e che da essa fu cacciata dall’Uomo dai Lunghi Capelli.

Fosti
un uomo di guerra
tutta la vita
con coraggio
combattesti
Ma.Vi

Immagine http://www.loccidentale.it

Questa voce è stata pubblicata in Le Petit Onze, pensiero, post guidato. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Custer e gli indiani

  1. Rosemary3 ha detto:

    Bel petit onze da interessanti notizie supportato…
    Ros

    Piace a 1 persona

  2. jalesh ha detto:

    Interessante dissertazione sulla tecnica di guerra del generale Custer abbinato ad un bel Petit Onze. Complimentii bravissima

    Piace a 1 persona

  3. oddonemarina ha detto:

    concordo pienamente sul tuo commento Tina

    Piace a 1 persona

  4. orofiorentino ha detto:

    Mi piace molto il tuo scritto, vero e ricco di particolari. Un personaggio davvero inquietante per i suoi modi divenuto poi un grande eroe per costruire una faccia rispettabile a una nazione che aveva sbagliato troppo. Complimenti cara

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...