Le piaceva …piacere

La serata era stata piacevole, davvero un bellissimo spettacolo. Melania lasciò il palco, seguita dagli sguardi vogliosi di molti uomini e da occhi di fuoco di molte signore. Bella senza dubbio, ben fatta, lunghi capelli castani… ma tutto questo era messo in evidenza da un abito troppo stretto e troppo scollato. Occhi bistrati, bocca rossa… era inevitabile guardarla. A lei piaceva, sentiva come una scossa ad ogni apprezzamento. Quante volte la madre le aveva detto “stai esagerando”? Troppe volte e lei non l’ascoltava più. Lei voleva piacere, non faceva male a nessuno…..già non pensava che poteva far male a se stessa. Fece un tratto di strada assieme agli amici, scherzando e commentando lo spettacolo appena visto. Poi ognuno prese la sua strada. Melania non abitava molto lontano dal teatro per cui era venuta a piedi. A passo svelto si infilò nella stradina che portava a casa sua, poi sentì dei passi dietro di se, il cuore prese a batterle, aprì la borsa e preparò le chiavi. Accelerò ma anche i passi dello sconosciuto si affrettarono. Si senti gelare il sangue, cosa poteva fare… il suo passo diventò quasi corsa ma i tacchi troppo alti non l’aiutavano di certo. Sentiva quasi il fiato dell’altro quando era già davanti al portone sentì afferrarsi, non le uscì suono dalla bocca….il portone si aprì e due braccia la tirarono dentro. La paura la faceva tremare eppure non c’era freddo. Il signor Andrea, che stava per uscire per buttare la spazzatura, si era trovato davanti a  quella scena ed aveva ben capito. L’accompagnò sino al suo appartamento e suonò. In casa sia la madre che il vicino, cercarono di rincuorarla. Finalmente si mise a piangere….pianse e pianse alla fine quando si fu calmata e sua madre le rimboccò le coperte, come quando era piccolina, con voce dolce le disse: “La civetteria è una arma così povera ed infelice” che non da nulla di vero, ma solo apparenza. La lezione è stata dura, ma avrai capito che è meglio essere semplici e vere. Una donna vera ha sempre un grande fascino ed è ammirata ed amata proprio per la sua semplicità.

Ma.Vi

Incipit: La civetteria è una arma così povera ed infelice da Fiori per noi di Dacia Maraini

Immagine eBay

 

Questa voce è stata pubblicata in post guidato, racconto. Contrassegna il permalink.

6 risposte a Le piaceva …piacere

  1. jalesh ha detto:

    Un bellissimo inserimento dell’incipit di Dacia Maraini e uno stupendo monito a chi esagera. Complimenti bravissima

    Piace a 1 persona

  2. orofiorentino ha detto:

    bravissima Tina, purtroppo succede anche questo: mettersi troppo in mostra può attirare troppo l’attenzione di male intenzionati. Bel racconto. Brava

    Piace a 1 persona

  3. titti onweb ha detto:

    Bella la tua fantasia!😃

    Piace a 1 persona

  4. Rosemary3 ha detto:

    Un bellissimo racconto che ben si aggancia all’incipit…
    Ros

    Piace a 1 persona

  5. oddonemarina ha detto:

    Splendido racconto, compreso l’insegnamento di vita… complimenti cara

    Piace a 1 persona

  6. 65luna ha detto:

    Travolgente racconto. 65Luna

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...