Profumo invernale

Ondeggia come un filo d’erba la sottile linea del pensiero immerso nella primavera del ricordo. Cantavi in coro con quel grembiule nero e i pon-pon di lana blu. Il rigido colletto di plastica bianca ti stringeva il collo. Era un canto lento, quello che saliva nella palestra della scuola, carezzava quella manciata d’anni che stringevi in pugno e rimbalzava sui muri, lungo le aste del quadro svedese. Il Natale bussava alle porte e la canzone era la preparazione del saggio natalizio. Le voci si rincorrevano nell’alternanza delle note che fuggivano di soppiatto oltre le grandi finestre. C’era dolcezza in quegli istanti canori, libertà in attesa del suono della campanella, nella chiassosa fuga oltre il cancello, verso casa. Il liberarsi del grembiule e giocare a palle di neve in strada. La libertà di crescere e spogliarsi dell’infanzia nel sospiro degli anni.

immagine del web

 

Pubblicità
Questa voce è stata pubblicata in mini racconto. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Profumo invernale

  1. Bel post. Il ricordo riprende vita.

    "Mi piace"

  2. orofiorentino ha detto:

    Bel ricordo di gioventù, bravissimo

    "Mi piace"

  3. jalesh ha detto:

    I ricordi fanno sempre bene all’anima. Complimenti Rinaldo. Buona giornata bisous

    "Mi piace"

  4. Rosemary3 ha detto:

    Un mini racconto dove imperano i ricordi…
    Ros

    "Mi piace"

  5. tinamannelli ha detto:

    Quanta dolcezza in questi ricordi. E’ bello ricordare … Stupenda pagina. Complimenti 🙂

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...