Mariantonia…

Era cresciuta in una famiglia matriarcale, dove rigide regole vigevano. Seconda di tre figlie, Mariantonia, era una ragazza mite e sottomessa alla madre Assunta, che spadroneggiava: al suo servizio una schiera di domestiche si avvicendava in cucina, togliendole il fastidio di qualunque decisione sul menu quotidiano. Tutto veniva coltivato nel grande podere della famiglia, dove ogni ben di Dio era prodotto. Le tre ragazze erano state istruite a ricamare e a preparare il corredo che poi veniva, di volta in volta, riposto in un grande baule, in attesa di colui il quale avrebbe chiesto la mano di una di loro.
Lenzuola, tovaglie da tavola e asciugamani di filo facevano bella mostra sui tavoli allestiti all’uopo: le loro abili mani intrecciavano preziosi ricami e guai a ribellarsi a tutto ciò!
Mariantonia era quella che riusciva di più nell’intento lavorativo e talvolta provvedeva ad eseguire anche quello delle due sorelle, un po’ più lente, perché di cagionevole salute.
La quotidianità si svolgeva rasentando la noia, ma altre distrazioni non esistevano…
Un giorno chissà Mariantonia avrebbe incontrato il padre dei suoi figli e avrebbe continuato con la prole tutto quello che aveva fino ad allora appreso, se fossero state delle femminucce, ovviamente… per il momento non era da pensare oltre e le sue dita continuavano a scorrere veloci sulla grezza tela che un giorno le sarebbe servita per profumare le sue lunghe giornate…

© Rosemary3

www.exibart.com

Informazioni su Rosemary3

Amo la poesia, preferibilmente in rima sciolta, e la natura dipingere in tutte le sue sfumature emozionali... Adoro i tramonti e di fronte ad essi perdermi incantata...
Questa voce è stata pubblicata in mini racconto, post guidato. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Mariantonia…

  1. oddonemarina ha detto:

    bellissimo spaccato di quell’epoca ..complimenti

    Piace a 1 persona

  2. orofiorentino ha detto:

    Verissimo un ottimo spaccato dell’epoca ottocentesca delle ragazze da marito, bravissima mia cara

    Piace a 1 persona

  3. tinamannelli ha detto:

    Il tempo dell’attesa…quando poi sarebbe arrivato lo sposo quel baule avrebbe mostrato i suoi tesori…Che tempi…bellissimo racconto in Mariantonia ho rivisto la mia nonna. Bravissima, complimenti ❤

    Piace a 1 persona

  4. jalesh ha detto:

    Un bel racconto che rispecchia perfettamente l’attesa delle femmine preparando il corredo per il giorno del matrimonio. Complimenti molto bene scritto. bravissima

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...