Mariastella.. “la maestra”


Nell’assolato cortile i bambini giocavano a “campana”, le donne mettevano i panni al sole. Qualcuna alla finestra batteva un tappeto e poi arrivava Peppino col suo carretto colmo di frutta e verdura. Mariastella, secca come un chiodo, con due trecce nere come l’ebano e due occhi enormi sempre spalancati sul mondo, se ne stava sempre a leggere o a disegnare, sul gradino di casa. Nel cortile la prendevano tutti in giro, la chiamavano “la maestra”, ma lei faceva spallucce e non se ne curava. Lei leggeva, guardava e ascoltava e spesso c’era un sorriso ironico sul suo visetto. Andava a scuola con buon profitto, la più brava in assoluto, i genitori sapevano che quella figlia era speciale e che avrebbe dovuto continuare a studiare. Mariastella non doveva andare a lavare i panni degli altri…. per lei doveva essere diverso. Così sia il padre che la madre lavoravano da mattina a sera per mettere qualche soldo da parte. Intanto erano finite elementari e anche le medie e il ginnasio era quasi alla fine e Mariastella non era più la bambina scarna di un tempo. Si era fatta bella e i ragazzi del cortile ne erano tutti innamorati, ma lei andava avanti nello studio e non pensava ad altro. Così “la maestra” diventò davvero una insegnante e tutto il cortile fece festa. Finalmente qualcuno di loro era riuscito a laurearsi… Mariastella però oltre ad insegnare scriveva, le piaceva tanto. Così pagina dopo pagina nacque il suo primo libro per ragazzi. Diventò famosa ma non dimenticò le sue origini. Andando nelle scuole o nelle università per parlare dei suoi libri incontrò l’amore in un professore di matematica….così lettere e numeri andarono felici insieme … Oggi è tornata nel vecchio cortile, ha comprato la casa dove per anni ha vissuto….vuole che i suoi nipotini possano giocare anche loro a “campana” che possano sentire le voci della strada e che possano vivere come una volta e non chiusi in un bell’appartamento. Mariastella è una nonna eccezionale

Ma.Vi

Mini racconto:  Rcordi dell’infanzia e della mia amica del cuore e mettendoci anche un poco di fantasia.

Immagine Lombardia Beni Culturali

Questa voce è stata pubblicata in mini racconto, post guidato. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Mariastella.. “la maestra”

  1. jalesh ha detto:

    Una bellissima storia che sta in tema perfettamente. Complimenti bravissima

    Piace a 1 persona

  2. oddonemarina ha detto:

    una bellissima storia che ricorda il passato difficile ma laborioso …sei stata bravissima, Tina

    Piace a 1 persona

  3. orofiorentino ha detto:

    Brava Tina, la storia di questa tua amica è veramente molto bella, brava 🙂

    Piace a 1 persona

  4. Rosemary3 ha detto:

    Una storia indubbiamente intessuta molto bene…
    Ros

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...