Il clown Bingo

Lo spettacolo comincia, il circo è gremito di bambini che aspettano con impazienza l’arrivo del Super Clown Bingo, noto per riuscire a far ridere tutti quanti piccoli e grandi. Nel camerino Bingo/Piero si sta truccando e mentre dipinge il contorno degli  occhi di un bianco immacolato per un attimo ha la tentazione di disegnare una lacrima. Oggi non ha proprio la grinta di far ridere. Sua nonna adorata, che lo ha cresciuto dopo la morte dei due genitori trapezisti, caduti durante una rappresentazione, è morta.
Ma il pubblico applaude e lo invita ad entrare. Tira su le lacrime, sfoggia uno dei suoi splendidi sorrisi ed entra in scena, mentre il fragore degli applausi per un attimo lo distolgono da quel dolore che gli corrode il cuore.  Il suo numero è un trionfo, le sue battute spiritose fanno ridere a crepa pelle tutto il circo. Nessuno avrebbe potuto capire che dietro quella maschera, quel giorno si celava una grande sofferenza. E’ proprio vero l’abito non fa il monaco

Pubblicità

Informazioni su jalesh

Jalesh (Signore protettore dell'acqua) La vita nasce dall'acqua è l'acqua è vita. Tutte le culture nella storia del nostro pianeta hanno attribuito all'acqua il più elevato valore simbolico e le hanno riconosciuto il ruolo centrale nella vita umana. Vitruvio sostiene che senza l’energia proveniente dai quattro elementi (aria-fuoco-terra-acqua) nulla può crescere e vivere; per questo una divina mens ne ha reso facile la reperibilità. L’acqua, in particolare, “est maxime necessaria et ad vitam et ad delectationes et ad usum cotidianum”, senza trascurare il fatto, dice Vitruvio, che è gratuita. Così essa non è mai una sola cosa: è fiume e mare, è dolce e salata, è nemica ed amica, è confine e infinito, è “principio e fine” dice Eraclito
Questa voce è stata pubblicata in post guidato, racconto. Contrassegna il permalink.

8 risposte a Il clown Bingo

  1. tinamannelli ha detto:

    Bello e toccante… è vero spesso abbiamo la morte nel cuore eppure mostriamo allegria, per non tediare gli altri e magari pensano che siamo felici e contenti. Bisogna stare attenti nel dare giudizi.Bravissima un racconto perfettamente in tema. Complimenti

    Piace a 1 persona

  2. Rosemary3 ha detto:

    Un racconto che interamente assorbe e coinvolge il lettore: eccellente interpretazione del tema proposto…
    Ros

    Piace a 1 persona

  3. orofiorentino ha detto:

    Stupendo nella sua dolcezza

    Piace a 1 persona

  4. oddonemarina ha detto:

    Il sorriso è sempre accetto anche se dietro si soffre, un esercizio più difficile di quello dei trapezisti…bravissima centrato l’incipit ❤

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...