Camille

Camille Laurent della Rocca, giovane e bella, ma non troppo come usava dire lei, ricca e forse troppo, amata dalla madre e da tutta la famiglia materna. Già suo padre lo vedeva poco ormai, aveva appena dieci anni, quando la madre se ne tornò a Parigi, nella casa paterna, dopo aver lasciato il bel Gaetano della Rocca, ricco e di nobile famiglia foggiana, ma troppo dedito al gioco e alle belle donne per cui Janette stanca di sopportare aveva fatto armi e bagagli ed era tornata in patria. Camille quasi tutti gli anni passava l’estate fra Roma e Foggia con il padre e i nonni. Le piaceva molto il vivere italiano ma non amava molto il fare paterno, così spesso interrompeva la vacanza salutava tutti e rientrava a Parigi, dove ritrovava gli amici, le belle serate nei bistrot. Janette avrebbe voluto vedere la figlia accasarsi ma Camille era troppo difficile, non c’era giovane che le piacesse. Pensò che un bel viaggio sarebbe stato il toccasana, magari si avverava il miracolo…. Così Camille si ritrovò sul treno più bello del mondo: l’Oriente Express….eleganza, raffinatezza, ottima compagnia…..e chissà….

Continua…..

Ma.vi

Immagine marilybdavies.wordpress.com

Questa voce è stata pubblicata in Iniziativa estiva 2016, racconto. Contrassegna il permalink.

3 risposte a Camille

  1. jalesh ha detto:

    Che mersviglia mia nipote si chama Camille vediamo il seguito…Bravissima

    Piace a 1 persona

  2. oddonemarina ha detto:

    bell’inizio… cosa accadrà?… brava Tina

    Piace a 1 persona

  3. orofiorentino ha detto:

    Ci fai tirare il collo mia cara…ma è solo l’inizio…bravissima

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...