Cristo soffre ancora

La piccola chiesa sul lago Arancio è stata distrutta dal fuoco. Piccola e raccolta col suo piccolo altare, un semplice tronco d’albero il suo Crocifisso in legno le poche panche e la Madonnina con alle spalle una finestra che dava sul lago. Mia figlia 25 anni fa diceva il suo “si” davanti a quel Crocifisso…cosa resta ora cenere e tanta sofferenza… ancora una volta Cristo soffre il martirio……. l’uomo continua a distruggere e a non capire…

Non avrei mai pensato di vederla ridotta così…..mi fa male il cuore. Stiamo creando un comitato per rimetterla su, la Chiesa è privata e i proprietari non ci sono più e gli eredi non sono interessati, ma tutto il paese rivuole la sua Chiesina sul lago.

Ma.Vi

Foto personali

Pubblicità
Questa voce è stata pubblicata in fotografia, post guidato. Contrassegna il permalink.

12 risposte a Cristo soffre ancora

  1. tachimio ha detto:

    Dolo o solo forte caldo o incidente ? Continuate a chiedere che la chiesina torni com’era. Lo si deve a quel Cristo sofferente e alla Madonnina. Baci Tina. Isabella

    Piace a 1 persona

  2. orofiorentino ha detto:

    Speriamo riusciate a rimetterla su, davvero tenero e bello questo tuo post mia cara

    Piace a 1 persona

  3. jalesh ha detto:

    Una bella iniziativa quella di provare a rimetterla su…a volte gli incendi soprattutto estivi sono dovuto ad incidenti di caldo. Bellissimo post

    Piace a 1 persona

  4. Rosemary3 ha detto:

    Un’iniziativa che si spera porti a buon frutto… molto bello il tuo post
    Ros

    Piace a 1 persona

  5. oddonemarina ha detto:

    Il cristo ha sofferto di nuovo , ma non è stata distrutta del tutto, quindi una speranza per voi….bellissimo post ❤

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...