Un po’ d’ acqua

Solo l’acqua mi affascina e mi rapisce al pari dei fiori.

Non è solo quella del mare infinito o del lago immobile o del fiume che scorre implacabile.

Non è solo la vertigine del pensare a tutte le forme che assume la pioggia: dalla nebbia al temporale, dall’ uragano alla pioggerellina di primavera.

Non sono le forme dell’ acqua che mi stregano, quanto l’ anima nascosta che mi prende e magicamente non mi lascia: non puoi afferrarla, non puoi definirla, a fatica puoi solo contenerla senza possederla. Indefinita e sfuggente si arrende a ciò che la circonda per afferrarlo e possederlo, fagocitarlo e cibarsene.

Rimarrei ore ad osservare il mondo riflesso in una goccia, una semplice goccia come miliardi di altre, solo semplici coesioni di banali atomi senza nulla di speciale. Il nulla che riesce ad impossessarsi del cielo, degli alberi, della luce, del sole, dei colori e delle forme per catturarli e possederli, imprigionarli, trasformarli e farne la propria essenza, la propria diversità, la propria essenza.

Rimarrei ore ad osservare le ombre e le forme del mondo riflesse sullo specchio trasparente della superficie dell’acqua: il nulla che si illumina di luci e colori che non gli appartengono.

È come se questa mistura di ossigeno e idrogeno mostrasse l’apparenza per celare l’ anima. Indifferente al mondo.

Essere e sembrare: posso essere ciò che appare, ciò che tu vedi, ciò che tu immagini ma sono quello che tu non comprenderai mai perché la mia anima è in perenne viaggio, mai ferma e mai stanca attraverso il mondo per farlo mio con la dolcezza dell’ indifferenza e della remissivita. Sono debole e senza il mondo che mi circonda non sono nulla. Ma sono il mondo. Non chiedo nulla ma tutto mi appartiene.

Al mondo niente è più cedevole dell’acqua.
La Via dell’acqua è infinitamente ampia è incalcolabilmente profonda.
Si estende indefinitamente e fluisce senza limiti.
Abbraccia tutta la Vita senza preferenze.
Non cerca ricompense, arricchisce il mondo intero senza mai esaurirsi.
La sua Natura sottile non può essere afferrata, colpiscila e non la danneggierai, forala e non la ferirai, tagliala e non la squarcerai, bruciala e non farà fumo.
Cedevole e fluida non può essere distrutta, riesce a penetrare anche nel metallo e nella pietra.
E’ così forte da sommergere il mondo intero.
Si concede a tutti gli esseri, senza ordine di preferenza.
Essa è definita suprema virtù.
Il motivo per cui l’acqua impersona questa suprema virtù è perchè essa è cedevole e morbida.
Quindi, io dico che le cose più morbide dominano le cose più dure.
Il non-essere non ha lacune, perciò la Via è davvero grande.

(Lao Tsu)

 

Informazioni su Feeling Blonde

Arrivato ai miei ultimi giorni, e spinto verso la follia dalle atroci bana­lità dell'esistenza che scavano come gocce d'acqua distillate dai tortu­ratori sul corpo della vittima, cercai la salvezza nel meraviglioso rifu­gio del sonno. Nei sogni trovai un poco della bellezza che avevo inva­no cercato nella vita e m'immersi in antichi giardini e boschi incanta­ti. Una volta che il vento era particolarmente dolce e profumato sentii il richiamo del sud e salpai languido, senza meta, sotto costellazioni ignote.“ (Howard Phillips Lovecraft)
Questa voce è stata pubblicata in fotografia, pensiero. Contrassegna il permalink.

10 risposte a Un po’ d’ acqua

  1. jalesh ha detto:

    Hai scelto oggi proprio il simbolo del mio gravatar…l’acqua. Sono affascinata dall’acqua e condivido tutto quello che hai scritto. Meraviglioso scatto accompagnato da un pensiero magnifico. Bisous. Scrivo delle massime importanti:
    Jalesh (Signore protettore dell’acqua) La vita nasce dall’acqua è l’acqua è vita. Tutte le culture nella storia del nostro pianeta hanno attribuito all’acqua il più elevato valore simbolico e le hanno riconosciuto il ruolo centrale nella vita umana. Vitruvio sostiene che senza l’energia proveniente dai quattro elementi (aria-fuoco-terra-acqua) nulla può crescere e vivere; per questo una divina mens ne ha reso facile la reperibilità. L’acqua, in particolare, “est maxime necessaria et ad vitam et ad delectationes et ad usum cotidianum”, senza trascurare il fatto, dice Vitruvio, che è gratuita. Così essa non è mai una sola cosa: è fiume e mare, è dolce e salata, è nemica ed amica, è confine e infinito, è “principio e fine” dice Eraclito

    Piace a 1 persona

  2. 65luna ha detto:

    Meraviglia! 65Luna

    Piace a 1 persona

  3. tinamannelli ha detto:

    Che stupenda dissertazione sull’acqua cara, hai perfettamente ragione l’acqua affascina perchè è sempre diversa e blu o azzurra spesso trasparente oppure torbida ma sempre bella non ha forma e eppure ne prende tante…hai proprio ragione l’acqua è fantastica se è una goccia se è un mare….e poi quando gorgoglia nelle fontane è proprio musica. Stupenda la tua foto, sempre fantastica

    Piace a 1 persona

  4. orofiorentino ha detto:

    Meraviglioso, una vera meraviglia

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...