La leggenda del leone di S. Marco (dedicata)

All’Osteria dei quattro Mori, in calle della Màndola
qualcuno mi raccontò la strana storia di un vento
che ogni cento anni arriva al galoppo, attraverso il cielo notturno
dalla bizantina Istànbul ai marmi candidi della Serenissima.
Porta con sé un sorso d’acqua sacra della Yerebatan Sarnici
fitta di colonne corinzie
l’azzurro magico delle ceramiche d’Iznik della Moschea Blù
l’aroma di lussureggianti carni abbandonate nell’Harém del Topkapì
-smeraldi e diamanti in un pugnale-
Plana sulla Laguna intorno al leone di S.Marco che vigila da una colonna
su Venezia immortale.
Come ritrovasse un’amante troppo a lungo cercata
il vento abbraccia il bronzeo leone, ne carezza i fianchi
sfiorando l’intricata criniera e la lunga coda flessuosa.
Allora lo sguardo opaco della fiera si illumina,
le ali si spiegano, le unghie più non artigliano il Sacro Libro.
E il leone di S. Marco libero
si immerge nei cieli della Serenissima.
Il suo volo è circolare, alto, silenzioso,come quello di un rapace.
Con lento battito d’ali raggiunge le costellazioni gemelle
senza che il suo corpo proietti ombra sulla terra.
E all’alba, spente le magie del vento d’Oriente
è di nuovo ad artigliar Vangeli per Madonna Venezia.
Non c’è occhio umano che possa nutrir dubbio:
mai, nei secoli dei secoli, il bronzeo leone lasciò la sua colonna
eppure avvenimenti straordinari provano
che questo accade di sicuro ogni cento anni-

Infatti il leone si alzò sicuramente in volo nella notte del 25 Giugno 1678, giorno in cui, presso l’Università di Padova, la veneziana Elena Lucrezia Cornaro divenne la prima donna laureata nel mondo, addottorandosi come “magistra philosophiae”.
A lei questo scritto è dedicato

Informazioni su vikibaum

Sono un'italiana asintomatica
Questa voce è stata pubblicata in Iniziativa estiva 2016, racconto. Contrassegna il permalink.

4 risposte a La leggenda del leone di S. Marco (dedicata)

  1. orofiorentino ha detto:

    Splendido racconto di una leggenda così particolare. Bravissima mia cara…è una gioia leggerti 🙂

    Piace a 1 persona

  2. jalesh ha detto:

    Una stupenda dedica a Elena Lucrezia Cornaro che racconta la leggenda del leone di S. Marco a Venezia. Versi stupendi bravissima complimenti. Buona giornata Viki. bisous

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...