L’algida, sensuale,conturbante Madonna di Jean Fouquet 1450-1455

Detta anche la Madonna del latte.

A ragione è considerata la più stupefacente, insolita natività che sia mai stata dipinta.
Dalla figura femminile ritratta sprigiona una sensualità inquietante: siamo distanti anni luce dalle asessuate e rasserenanti Madonne del Quattrocento fiorentino .
Osservate la pelle candida, setosa, il corpetto slacciato, lo sguardo fiero dietro le palpebre,la vita sottile, il seno splendido che si offre al nostro sguardo: insomma questa Donna ha molto poco di sacro, è un’icona moderna, attualissima , proiettata addirittura nel futuro.
Il dipinto in questione, la parte destra di un dittico che è stato smembrato databile intorno al 1450- 1455, si trova al Koninkljjk Museum voor schone Kunsten ad Anversa.
Fouquet realizzò l’opera dopo un viaggio in Italia, lavorando alla Corte di Carlo VII.
Circondata da cherubini rossi e serafini blu la Madonna si staglia in forma piramidale suscitando nello spettatore un’ambigua malia in una rappresentazione, come ho già detto, sicuramente più laica e profana che religiosa.
Una luce gelida illumina i colori puri, netti i margini, e privi di sfumature.
E ora la notizia piccantina:
Si ritiene che l’opera sia stata ispirata e dedicata ad Agnes Sorel, bellissima amante di Carlo VII.
Le cronache dell’epoca, parlando di Agnes, ne lodano l’insolito fascino ed eleganza:“le vesti e i gioielli della dama erano di rara bellezza, possedeva pellicce di martora e sete d’Oriente, gli strascichi delle sue vesti erano le più lunghe di tutto il Regno.Teneva a mostrare ciò che aveva di più bello e spesso scopriva le spalle ed il petto”narra un anonimo cronista dell’epoca.Veniva infatti chiamata “la signora dal bel seno”.
Agnes morì a soli 28 anni, di veleno.

Personalmente trovo quest’opera di una bellezza senza pari e come tale è mio piacere mostrarvela, buon venerdì  ❤

Informazioni su vikibaum

Sono un'italiana asintomatica
Questa voce è stata pubblicata in racconto. Contrassegna il permalink.

12 risposte a L’algida, sensuale,conturbante Madonna di Jean Fouquet 1450-1455

  1. tachimio ha detto:

    Grazie viki per questo dipinto molto particolare. Buona giornata cara. Isabella

    Piace a 1 persona

  2. orofiorentino ha detto:

    Conosco questo dipinto,mi piace moltissimo. Credo che effettivamente sia la modella a dare questa strana distanza dal sacro comunemente conosciuto. Brava Viki, molto interessante 🙂

    Piace a 1 persona

  3. jalesh ha detto:

    Un particolare dipinto testimonial del sacro e profano insieme. Complimenti un vero gioiello dell’arte.

    Piace a 1 persona

  4. mondidascoprire ha detto:

    Non c’è niente di sacro che non sia profondamente carnale, se Dio si è incarnato in un bambino , ha vissuto come un bambino nel rapporto con la madre e con la realtà. La sensualità di questo dipinto è proprio del corpo della donna nel suo essere generatrice di vita e custode d’amore. Ciao

    Piace a 1 persona

  5. Rosemary3 ha detto:

    Concordo appieno con quanto tu hai affermato, Viki: “Personalmente trovo quest’opera di una bellezza senza pari”… Grazie per aver condiviso…
    Ros

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...