Nel consueto vagare

Era un cammino alla ricerca di un dove

costellato da appunti scritti sulla sabbia

piccoli granelli di vita

celati tra le pieghe degli abiti.

E nel cercare un fuoco

che ardeva dentro

inciampava in spazi deserti

esili banchise dense di nebbia.

Erano panorami assenti

costellati da quotidianità stinte

prive di lampi d’entusiasmo

e permute di pensieri.

Nel vuoto

che gli giostrava attorno

lui da sempre si ritrovava

straniero tra la folla

a coniugare cieli lontani.

immagine del web

Questa voce è stata pubblicata in poesia. Contrassegna il permalink.

5 risposte a Nel consueto vagare

  1. jalesh ha detto:

    Il cammino impervio della vita. Splendidi versi.sempre molto molto bravo carissimo Rinaldo complimenti

    "Mi piace"

  2. tinamannelli ha detto:

    Un cammino che spesso è ripetitivo e si cerca qualcosa che ci scuota che ci dia forza per andare avanti. Bellissima composizione, l’immagine scelta è perfetta. Complimenti

    "Mi piace"

  3. orofiorentino ha detto:

    Tanto tanto bella, bravissimo

    "Mi piace"

  4. Rosemary3 ha detto:

    Il cammino di vita alla continua e vana ricerca di nuovi lidi… Come sempre splendidi versi, Rinaldo
    Ros

    "Mi piace"

  5. vikibaum ha detto:

    bello quel coniugare cieli lontani…!hola!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...