Il sole del Fujiyama

Sale l’onda, alta nel riflesso del giorno,
simile ad un airone che spicca il volo.
E’ forte, una mano tra i fiocchi di neve
pronta a ghermire il cielo, il vento e gli uomini.
Il mare porta con sè la vita,
il mare dona, il mare nega,
e la natura esplode di fronte all’uomo.
Le barche dei pescatori
sono teneri midolli di bambù
sballottati dal destino.
La massa d’acqua incombe, volteggia
è uno schiaffo privo d’equilibri.
Non c’è scampo. Non c’è requie.
Hisao prega gli dei aggrappato al remo,
che è un piccolo cucchiaio
orfano in una tazza di riso.
Oggi il mare è irato,
scatena la sua rabbia nel gesto
e nel movimento della sua voce.
E il boato dell’onda
copre l’affanno degli uomini.

[Troppo tardi tornerà il sole.]

 La grande onda di Kanagawa – Opera di Katsushika Hokusai

 

Pubblicità
Questa voce è stata pubblicata in poesia, post guidato. Contrassegna il permalink.

4 risposte a Il sole del Fujiyama

  1. orofiorentino ha detto:

    Che meraviglia, stupenda poesia Rinaldo, stupenda !

    "Mi piace"

  2. jalesh ha detto:

    Stupenda descrizione di questa onda anomala uno dei più famosi dipinti di Hokusai così magistralmente illustrato . Bellissima la chiusa. Complimenti Rinaldo. Sei bravissimo.

    "Mi piace"

  3. tinamannelli ha detto:

    Stupenda questa tua composizione, la descrizione dell’onda di Hokusai, che tutto distrugge. Complimenti

    "Mi piace"

  4. lulasognatrice ha detto:

    Sempre stupendi, i tuoi versi! Complimenti

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...