La fotografia

 

 

 

 

 

 

 

É un istante capovolto,
stretto tra le fessure del giorno
lungo lo stillare delle ore,
lente catene del quotidiano soffrire.
Sale il disagio,
affanno di solitudini remote
stipate su spazi raccolti
lungo la pietà del ricordo,
mosse a temperare gemme di perdono
a colui che più non c’è.
Guardo l’immagine dal paterno sguardo
di un tempo lontano
raggomitolato ormai da anni.

[ E mi accorgo che è già sera. ]

immagine del web

 

Questa voce è stata pubblicata in poesia. Contrassegna il permalink.

3 risposte a La fotografia

  1. jalesh ha detto:

    Intensi profondi versi con un significato stupendo: sempre un piacere leggerti. Notte Rinaldo bisous

    "Mi piace"

  2. tinamannelli ha detto:

    Toccante…… una fotografia e loro restano sempre uguali il tempo si è fermato in quell’attimo.
    Versi belli e struggenti in ricordo di chi non è più. leggerti è sempre un piacere. 🙂

    "Mi piace"

  3. Rosemary3 ha detto:

    Uno sguardo introspettivo e retrospettivo di “colui che non c’è più” che fa riemergere ricordi, ancora non sopiti…
    Splendidi versi, Rinaldo
    Ros

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...