Mi fermo a guardare

Mi fermo a guardare
quante ombre divora il buio
e quanti passi
si rassegnano al vuoto.

L’inverno regna sovrano
firma con la morte lenta
il sogno di ogni ramo
di abbracciare l’infinito.

Queste voci nascoste
sotto la pelle
hanno l’aroma del veleno
e la ruggine delle parole smarrite.

Chissà
se il tempo non ha confine
per superare il mare dell’illusione
per respirare una nuova alba

© Omar Arcobaleno

(foto dal web)

Questa voce è stata pubblicata in poesia. Contrassegna il permalink.

7 risposte a Mi fermo a guardare

  1. tachimio ha detto:

    Me-ra-vi-glio-sa !!! La tua sensibilità traspare da ogni rigo.Bravissimo Omar.Un forte abbraccio. Isabella. Ps Sembra che tu abbia fatto parlare quell’uccellino. Grazie amico mio

    Piace a 1 persona

  2. tachimio ha detto:

    Anche se la voce è poi la tua., ovvio. Baci

    Piace a 1 persona

  3. tinamannelli ha detto:

    Davvero stupenda Omar, intensa e significativa…. Complimenti

    Piace a 1 persona

  4. Laura ha detto:

    Bellissima, bravo Omar, un abbraccio!

    Piace a 1 persona

  5. jalesh ha detto:

    Magnifici versi profondi a volte amari ma sono le parole del percorso che ci è stato destinato. Foto meravigliosa, Bravissimo Omar bisous

    Piace a 1 persona

  6. orofiorentino ha detto:

    Che versi meravigliosi, sei davvero bravissimo con una grande sensibilità. Bravissimo

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...