Haiku

Gioia, vola
sui sorrisi dei bimbi
cascate d’ oro.

***

Oltre il tempo
solitaria vita
autunno muto.

***

Notte insonne
cattura mille sogni
mute le voci.

Chiara

Informazioni su chiaramarinoni

amo la musica, leggere e scrivere poesia. Ho un cane di nome yuma, sono sposata ho due figli, Non amo la falsità, l'ipocrisia. Amo vivere coi sogni
Questa voce è stata pubblicata in metrica giapponese. Contrassegna il permalink.

11 risposte a

  1. chiaramarinoni ha detto:

    Che me va? Meglio?
    Un grazie Jalesh e ad Oro
    ❤ ❤ ❤
    Chiara

    "Mi piace"

  2. jalesh ha detto:

    ciao carissima il primo è 3/7/5, il secondo è 4/6/5. Il terzo è4/7/5 …devi fare un altro piccolo sforzo ad esempio
    Potresti scriverli in questo modo

    volando la gioia
    sui sorrisi dei bimbi
    cascate d’ oro.

    Oltre tal tempo
    solitaria la vita
    nuto l’autunno

    Insonne notte
    cattura mille sogni
    mute le voci.

    A volte basta invertire le parole affinchè non ci sia un incontro di due vocali tra una parola e l’altra.
    Cmq bravissima ❤
    .

    Piace a 1 persona

  3. orofiorentino ha detto:

    Certo che ci riesci, sei bravissima nel dare il senso all’Haiku ed è molto importante. Dai che la prossima volta viene perfetto 🙂 🙂

    Piace a 1 persona

  4. Rosemary3 ha detto:

    Altro piccolissimo sforzo, Chiara! Sei stata bravissima, cmq… 🙂
    Ros

    Piace a 1 persona

  5. tinamannelli ha detto:

    Ci sono riuscita io che non sapevo neanche esistesse la metrica…riuscirai e sarai bravissima comunque anche se non perfetti i tuoi haiku sono belli ed hanno senso che è molto importante. 🙂

    Piace a 1 persona

  6. chiaramarinoni ha detto:

    Grazie siete molto care.
    un abbraccio
    Chiara

    Piace a 1 persona

  7. flaviafra ha detto:

    Brava Chiara! Al di là delle regole metriche ecc conta anche la capacità di cogliere un istante, una visione, e tu in questo sei già bravissima.
    Per il resto, ricordati sempre che le vocali vicine si “mangiano” l’una con l’altra, come ti ha spiegato Jalesh… e se riesci metti sempre un riferimento relativo alla stagione o al momento della giornata (mattino, sera, notte…). Questo è il cosiddetto kigo, caratteristico dello haiku. Ma se non c’è non fa niente, in tal caso avrai scritto un’altra forma poetica: il senryu, altrettanto bello.
    Un caro saluto
    Flavia

    "Mi piace"

  8. 65luna ha detto:

    Ringrazio anche io che non l’ho mai capito!! Baci, 65Luna

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...