Una cascata di fiori….

Annunci
Pubblicato in fotografia, Iniziativa estiva 2018 | Lascia un commento

SALONICCO

Salonicco corrispondente all’antica Tessalanica, dopo Atene è la più abitata, si trova in territorio Macedone sul golfo Ternaico alla cima della penisola Calcidica. Fiorente centro industriale per trasporti nel sud-est d’Europa. La città ha risentito dell’occupazione Ottomana e della presenza della comunità Ebraica, che prima della II guerra mondiale era la più numerosa d’Europa.

Architettura Bizantina e Paleocristiana è ben inserita. Fu fondata da dal Re Cassandro (Macedone) nel 315 a.C., che le diede il nome della moglie (sorellastra di Alessandro Magno). Dopo la sua caduta fece parte dell’Impero Romano, dove divenne un’importante centro commerciale sulla via Egeratia, che collegava Bisanzio all’odierna Durazzo.

Quando si schierò con Ottaviano e Marco Antonio contro Cassio e Bruto i Romani vincitori (Ottaviano) la dichiararono città libera.

Il santo patrono è Demetrio di Tessalonica nel 306, era un proconsole romano che venne martirizzato.

Venne poi occupata dai musulmani e dai normanni di Sicilia. Dopo varie lotte tra Re e despoti greci venne venduta alla Repubblica di Venezia, che la tenne fino alla conquista da parte degli Ottomani.

Popolazione mista; Greci musulmani ebrei e macedoni

 

oddonemarina – immagine JetYourGuide/Meteora

Pubblicato in Iniziativa estiva 2018 | 4 commenti

Camogli….una bellezza Italiana


Foto del mio amico Chanch Le Huy, venuto in vacanza dall’Australia

Pubblicato in fotografia, Iniziativa estiva 2018 | 6 commenti

Granada

 

  Chi   non   ha   visto   Granada,   non   ha   visto   nulla”:

così   recita   un   noto   detto   spagnolo.   E   in   effetti,   il   capoluogo,   dominato   dall ‘ Alhambra,   uno   degli   edifici   più   visitati   al   mondo,   caratterizza   l’intero   aspetto   di   questa   provincia   andalusa   come   nessun   altro.   In   realtà   anche   il   territorio   circostante   ha   il   suo   fascino:   la   Sierra   Nevada,   con   le   sue   cime   imbiancate,   che  in   vaste   aeree   è   stata   proclamata   riserva   naturale,   consente   memorabili   escursioni.   Nelle   propaggini   meridionali   della   Sierra      si   fonde   il   fertile  territorio   montano   delle   Alpujarras,   che   fu   l’ultimo   rifugio   dei   Mori,   scacciati   da   Granada.   La   bellezza   e   la   grazia   di   questa   città   sono   state   spesso   lodate ,   e   in   effetti   molto   alte   sono   le   aspettative   di   chi   vi   giunge,   attese   tuttavia   smorzate   all’ arrivo,   dal    triste   impatto   con   i   casermoni   della   periferia.   La   prima   impressione   è   in   linea   di   massima   deludente :   Granada   è   rumorosa,   la   qualità   dell’aria   pessima,   le   strade   intasate.   Ci   vuole   tempo   per   comprendere  la   descrizione   più   azzeccata   di   questo   luogo   ”Quando   per   le   strade   di   Granada   incontri   un   cieco   che   chiede   l’elemosina,   dagliene   il   doppio,   perché   è   ancor   più   triste   non   poter   vedere   tutta   questa   bellezza”.

Le   sue   bellezze   infatti  non   si   scoprono   al   primo   incontro.   Si   familiarizza   con   lei   a   poco   a  poco,   notando   come   il   suo   passato   moresco   l’abbia   forgiata   in   maniera   indelebile.   Ecco   allora,   per   voi,   amigos,   l’  Alhambra

”   Il   Sabikah   è   una   corona   sopra   la   fronte   di   Granada   e   l’ Alhambra (  che   Allah   la   protegga   )   è   il   rubino   sulla   sommità   della   corona  ”.

Forse   il   più   celebre   palazzo   monumentale   al   mondo,   l’ Alhambra   appare   in   lontananza   come   una   semplice   fortezza.   Si   staglia   ben   visibile   dinanzi   alla   Sierra   Nevada,   ma   nulla   fa   prevedere   quanta   bellezza,   quanta   grandiosità   sfarzosa   ci   sia   all’interno.   Il   suo   nome   deriva   dall’arabo  Qalat-al Hambra,   che   significa   ”la   Rocca   rossa”   e   l’appellativo   è   probabilmente   da   collegare   al   colore   del   terreno   circostante.   Mentre   gli   Ziridi    nell’XI   secolo   risiedevano   ancora   sul   fronteggiante   colle   dell’ Albaicin  ,   il   loro   visir   ebreo ,    Yusuf   Ibn   Nagralah,    si   fece   costruire   per   primo   un   palazzo  fortificato   sulla   collina   che  i   Mori   chiamavano   al-   Sabikah.   La   posizione   strategica   del   colle   più   elevato   della  città  –  irraggiungibile    da   nord   e   da   ovest,   mentre   a   est   è   separato   dalla   vicina   montagna   solamente   da   una   stretta   gola  –  lo   rendeva   il   sito   ideale   per   la   residenza   del   sovrano   in   tempo   di   guerra.   Muhammad   I   (   1238  –  73  )   primo   re   nasride,   fece   costruire   sul   lato   occidentale   del   colle   l’ Alcazaba   ,   stabilendo   poi   che   fosse   cinta   da   un   altro   sistema   di   mura   difensive.   Inoltre,   grazie   alla   sistemazione   di   cisterne,   e   alla   costruzione   di   acquedotti,   pose   le   premesse   per   un   sufficiente   approvvigionamento   idrico.   Sotto   i   suoi   seguaci,   la   struttura   venne   ulteriormente   ampliata   e   abbellita,   con   l’aggiunta   anche   di   un   nuovo   e   splendido   giardino :   il   Generalife.   Oggi   dell’originaria   cittadella   fortificata   rimane   solo   una   minima   parte,   ma   fortunatamente   comprende   ancora   l’ elemento   più   splendido,   e   cioè   l’antico   palazzo  reale  risalente   al   regno   di   Yusuf   I    (   1333- 54 )   e   Muhammad  V  (   1354  –  59 ;   1362  –  91  )

notizie   da   Arte   e   Architettura   Andalusia   –   Brigitte   Hintzen – Bohlen

L’   interno   della   grande   reggia   è   il   trionfo   di   due   elementi   :   il   primo   è   l’acqua,   profusa   nei   patii   e   nei   giardini,   come   elemento   decorativo   di   grande   ricchezza.   Il   secondo   è   la   tipica   decorazione   araba,   a   stalattiti,   a   decori   ottenuti   con   i   versetti del   Corano,  e   soprattutto   con   le   ceramiche  invetriate,   i   caratteristici   azulejos,    di   cui   ho   in   mente   di   parlarvi   più   in   là   magari.

L’  acqua   è   sempre   stata   per   gli   Arabi,   provenienti   da   una   regione   aridissima,   un   simbolo   di   ricchezza   e   prosperità   :   il   suo   uso   decorativo   era   considerato   un   lusso   tra   i   lussi.   Per   questo   nell’   Alhambra   grande   spazio   è   lasciato   a   vasche   e   fontane,   che   ornano   i   patii   e   rinfrescano,   con   lo   scorrere   del   prezioso   fluido,   i   giardini   della   residenza   reale.   Altrettanto   importante   è   la   presenza,   all’interno   di   motivi   decorativi   geometrici   (   la   religione   islamica   vieta   la   raffigurazione   umana,   così   tipica   dell’arte   cristiana  ),   spesso   affidati   a   piastrelle   colorate,   appunto   gli   azulejos   ,     che   danno   vita   a   veri   e   propri   tappeti   di   ceramica,   dal   grande   effetto   decorativo   e   di   notevole   impatto   visivo.   E’   proprio   questo   tipo  di   abbellimento   a   dare   alla   reggia   il   suo   carattere   inconfondibile   e   a   creare   gli   effetti   più   sontuosi   e   stupefacenti.   I   raffinatissimi   stucchi,   che   ricoprono   le   superfici   di   pareti   ed   archi,   ripetono   motivi   vegetali   e   floreali   o   iscrizioni   calligrafiche.

notizie   da   Castelli   d  ‘ Europa –  misteri ,   storie   e   leggende   scritte   nella   pietra   –   De   Agostini

E   ora   mie   cari   vi   lascio   una   poesia   del   grande   poeta   andaluso,   nato   proprio   a   Granada,    Federico  Garcia   Lorca.   Una    poesia  che  è   un   canto   a   Granada ,   ai   suoi   fiumi,  e   nello   stesso   tempo   un   lamento   d’  amore.

Visualizza immagine di origine

commons.wikimedia.org

Piccola   ballata   dei   tre   fiumi

Il   fiume   Guadalquivir

scorre   tra   olivi   e   aranci.

I   due   fiumi   di   Granada

vanno   dalla   neve   al   grano.

Ah   amore

fuggito   e   non   tornato !

Il   fiume   Guadalquivir

ha   la   barba   granato.

I   due   fiumi   di   Granada,

l’ uno   sangue   l’ altro   pianto.

Ah   amore

fuggito   per   l’aria !

Per   le   barche   a   vela,

Siviglia   ha   una   via;

per   l’ acqua   di   Granada,

remano   solo   i   sospiri.

Ah   ,   amore

fuggito   e   non   tornato  !

Guadalquivir,   alta   torre

e   vento   tra   gli   aranceti.

Dauro   e   Genil,   torrette

morte   sugli   stagni.

Ah,   amore

fuggito   per   l’aria !

Chi   dirà   che   l’ acqua   porta

un   fuoco   fatuo   di   grida  !

Ah,   amore,

fuggito   e   non   tornato  !

Porta   zagare,   porta   olive   

Andalusia,  ai   tuoi   mari !

Ah,   amore

fuggito   per   l’ aria !

Federico   Garcia   Lorca

Petit   onze

Granada
terra   caliente   che   i   gitani
rendono   ancor   più
calda   col
flamenco

Isabella   Scotti   giugno   2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Finisce   qui   il   tour   andaluso   nelle   città   di   Cordoba,   Siviglia   e   Granada.   Ma   non   finirà   il   racconto   di   altre   interessanti   notizie.   Se   tarderanno   a   venire,      è   perché   dovrei   ripartire.   Ma   voi   sapete   che   per   me   ogni   promessa   è   debito.   Un   abbraccio   a   tutti.   La   vostra   Isabella

Pubblicato in Iniziativa estiva 2018, Le Petit Onze, video | 15 commenti

Slide dell’iniziativa estiva di questa settimana

Montaggio creato Bloggif

Montaggio creato Bloggif

Montaggio creato Bloggif

Montaggio creato Bloggif

Montaggio creato Bloggif

Montaggio creato Bloggif

Pubblicato in Iniziativa estiva 2018 | 14 commenti

La cattedrale

La Cattedrale di Nostra Signora, dietro la Grote Markt, superbo esempio di architettura gotica. È la più grande cattedrale del Belgio, possiede la più alta torre del Paese, una fra le più alte in Europa. La costruzione iniziò nel 1352 e durò molto a lungo, poiché guerre, incendi e insurrezioni procurarono danni enormi. Si può dire che la Cattedrale è sempre in restaurazione.

Sette navate la compongono, transetto con altare maggiore, coro, abside e cinque cappelle. Pavimento in pietra nera con incastonate lastre tombali intarsiate con marmo bianco. Ricca di tele di enorme valore come il Trittico della deposizione della Croce di Rubens

O l’ultima cena di O.VanVeen del 1592

O ancora Le nozze di Cana di M.de Ves del 1596

In
Preghiera raccolta nel silenzio
Angeli in coro
Il cuore
Riposa

Ma Vi

Vi posso assicurare che è davvero stupenda….. e ora devo trovare qualcosa di diverso…

Pubblicato in Iniziativa estiva 2018, Le Petit Onze | 5 commenti

I tuoi passi

Corro lungo il filo dei pensieri
alla ricerca dei tuoi passi
sulla linea mediana del cuore
a dissipare nubi oscure della vita.

fotografia dell’autore

Pubblicato in fotografia, poesia | 4 commenti

La Colonna della Santissima Trinità

Anche a Budapest, come avveniva da noi, per ringraziare per la fine di una pestilenza, si era soliti erigere degli obelischi ex voto. La Colonna della Santa Trinità, davanti alla Chiesa di San Mattia. L’opera fu eseguita e completata da Filippo Ungleiche e Antonio Hörger (1676-1765) nel 1712-1713. Si innalza nel distretto di Várkerület, la parte storica della Buda.
La colonna della Santissima Trinità è un monumento a forma di guglia, vicino all’ingresso della chiesa di Mattia ed è stata innalzata a ricordo delle vittime della peste del XVII secolo. La attuale colonna fu eretta nel 1713 dopo la fine della peste che aveva ucciso ben 75.000 persone.

L’attuale colonna sostituisce un’altra Colonna della Santissima Trinità la cui costruzione era stata deliberata dal

Consiglio di Buda nel 1694 sempre con l’obiettivo di proteggere il popolo dalle ricorrenti e violente epidemie di peste (nel 1691 e 1709,) e anche come segno di gratitudine per la sua cessazione.

Pubblicato in Iniziativa estiva 2018 | 11 commenti

Le spiagge più belle della Croazia: Dubrovnik e le sue isole…

L’apparizione di Dubrovnik è uno scorcio fiabesco di Medievo che emerge all’improvviso dall’Adriatico, baciato da un sole che regala riflessi dorati ai suoi edifici e alle fortificazioni in pietra.

Touring Club

***

 

Come abbiamo avuto modo di vedere, Dubrovnik è situata sulle coste del Mar Adriatico, uno dei mari più puliti e azzurri del mondo: pare infatti essere il punto più blu del pianeta terra visibile dallo spazio. Le incredibili bellezze naturali e le tante spiagge sono fra i principali punti di forza che rendono Dubrovnik una meta estiva largamente agognata da visitatori di ogni nazionalità.

Dubrovnik

***

 

La spiaggia di Banje, vicinissima alle mura della Città Vecchia, offre una fantastica visuale dei bastioni cittadini. È coperta di ciottoli, ed è possibile praticarvi la pallamano su sabbia e la pallanuoto.

Croazia

***

La spiaggia Copacabana è una delle più amate destinazioni estive per famiglie, è posta sulla penisola di Lapad ed offre la possibilità di praticare sport acquatici ad ogni ora del giorno. Questa spiaggia, coperta di ciottoli, è accessibile anche alle persone disabili, essendo equipaggiata con uno speciale carrello che garantisce un facile accesso al mare.

TripAdvisor

***

 

La spiaggia di Buze Si trova sugli scogli sotto le mura cittadine. Offre una spettacolare visuale del mare e dispone di un bar che brulica di vitalità anche dopo il tramonto.

Dubrovnik

***

La spiaggia di Lacroma è una piccola isola posta davanti alla Città Vecchia. Vi si trovano diverse spiagge e romantiche cale, arricchite dalla presenza di pini marittimi che assicurano un’ombra benefica e profumata. Una volta sull’isola, si consiglia anche una visita al giardino botanico.

Prestigia

La spiaggia di Šunj è sabbiosa ed è situata sull’isola di Mezzo, a 40 minuti in barca da Dubrovnik. Essendo posta in una cala particolarmente tranquilla, si presta bene ad una vacanza familiare

Minube

***

Senza dubbio le spiagge del Mar Adriatico si contendono con quelle ioniche (come Zante) il primato europeo e mondiale, in quanto a bellezza e pulizia. Persino i turisti che preferiscono la piscina al mare potrebbero cambiare idea, dopo essersi immersi tra le meravigliose bellezze che le spiagge croate hanno da offrire ai loro visitatori.

Debs Madness

***

Dubrovnik
con le splendide spiagge
 incredibili bellezze naturali
meta estiva
agognata

@ Rosemary3

Pubblicato in Iniziativa estiva 2018, Le Petit Onze | 4 commenti

Il nostro incontro

Stratigrafie mentali_06/Cecilia Gattullo2018

 

Nell’onda d’amore

scorgo la tua anima

appoggio il mio cuore

fra le tue braccia.

Barriere trasparenti

illanguidiscono

il nostro incontro

tra setose spume

viaggia il nostro pensiero.

 

oddonemarina- disegno a china e acquarello

Pubblicato in poesia | 5 commenti

Red Bull Salzburg

Foto dal web

Il Red Bull Salzburg é una società di hockey su ghiaccio di Salisburgo e gioca nella divisione austriaca Österreichische Eishockey-Liga, e dalla sua fondazione nel 1905 ha riportato  molti titoli nazionali. I colori sociali sono il bianco e il rosso.

Ghiaccio
é il campo sportivo
scivola il pattino
per conquistare
goal

Pubblicato in Iniziativa estiva 2018, Le Petit Onze | 11 commenti

Rosa rossa di maggio

Visualizza immagine di origine

rosarossacom.org

Colpisce il mio sguardo

 quella rossa rosa

 di maggio.

 Lieve,

 vellutata,

 i petali

 bagnati dalla rugiada,

 si piega

 da una parte,

 come oppressa

 da un peso

 che non può sopportare.

 Allora,

 allungo la mano,

 e la scuoto un pò

 per toglierle di dosso

 quelle stille

 trasparenti.

 Così,

 la rossa rosa

 di maggio,

 raddrizza

 la sua fulva chioma,

 per riacquistare

 in un attimo

 quel suo aspetto

 di fiore,

 fiero e altero,

 immobile

 nella sua bellezza.

 

Isabella Scotti   giugno  2018

testo  :   copyright   legge   22   ottobre   1941   n°   633

Questa    poesia   l’ho   scritta   tempo   fa    e   regalata   a   Franca   Novello   per   il   suo   blog   di   poesia  d’autore.  Pensate   a   questi   miseri   versi   accanto   ad  autori   del   calibro   di   Neruda.  Pazzesco.

Pubblicato in poesia | 9 commenti

I cinquant’anni

I cinquant’anni
sono come vivere
una seconda vita,
avendo imparato
l’esperienza dalla prima,
non farai sicuramente
le stesse scelte
e gli stessi errori.

© Egyzia72

Pubblicato in aforisma | 4 commenti

Anversa – la città preziosa

Città d’arte molto sofisticata. Residenze art nouveau e ville neorinascimentali. Strade e castelli medioevali. Capitale dei diamanti, una delle capitali europee della moda. Ha dato i natali al grande pittore Rubens. Ha 450mila abitanti, vicina al fiume Schelda. L’arte di Rubens la fa più bella, infatti in molte parti si possono trovare opere del grande artista. Infatti viene chiamata la città di Rubens. Il cuore della città è antico ed è la Grote Markt, la piazza più importante delle città fiamminghe. Vi troviamo la statua di Brabo. L’edificio del Municipio risale al XV. Bello il quartiere dove si aprono le botteghe dei mercanti di preziosi… silenzio e luccichio di diamanti. Questo quartiere è conosciuto come la Gerusalemme del nord,il più grande insediamento di ebrei ortodossi. Un giro sul fiume per arrivare a Steen, un castello del 1200 che ospita il Museo Nazionale Marittimo. L’arrivo ad ANVERSA già stupisce, la sua stazione è uno spettacolo di architettura, di ordine e di puntualità

ANVERSA

Città di grande fascino
Cultura e diamanti
Desiderio di
Molti

MA. Vi

La Stazione centrale

Pubblicato in Iniziativa estiva 2018, Le Petit Onze | 7 commenti

Budapest Notturna


Budapest viene soprannominata “la Parigi dell’Est”: con i suoi splendidi monumenti, che quando cala il sole vengono illuminati creando suggestive atmosfere, tutto diventa molto romantico.
Prima della cena si potrebbe andare alle terme Rudas, costruite nel XV secolo oppure alle terme Széchenyi, dove viene organizzato un rave acquatico dove è possibile ballare nelle piscine di acqua termale mentre i dj suonano musica a tutto volume.
E cmq prima di cenare su uno dei battelli-ristorante attraccati alle rive del Danubio, luoghi ottimi per ammirare la città sarebbe interessante visitare i numerosi borozò, le caratteristiche enoteche ungheresi, e in uno dei sörözo – tipico wine bar. La parte della città da preferire rimane sempre Pest, sulle sponde orientali del Danubio.
Per i più giovani (turisti e non), interessanti da vedere sono i ruin bar (“bar in rovina”), tra i quali sono assolutamente da vedere il Szimpla kert e l’A38, costruito su un’ex nave ucraina che in passato veniva utilizzata per il trasporto di pietre. Luogo di ritrovo per i ragazzi del posto e attrattiva per i turisti che ogni anno arrivano a Budapest da tutta Europa, questi spazi consentono di assistere a concerti live e di bere qualcosa accompagnati dalla musica di dj e artisti del posto. Il quartiere ebraico offre inoltre la possibilità di ammirare diverse opere dell’arte del reciclaggio. Non mancano le discoteche. Insomma ci possiamo divertire come vogliamo.

Terme Rudas

Terme Széchenyi

Borozò

Pubblicato in Iniziativa estiva 2018 | 16 commenti

Timida rosellina

Pubblicato in fotografia, Iniziativa estiva 2018 | 11 commenti

Dubrovnik: cosa vedere ancora…

Di recente il centro storico di Dubrovnik (Stari Grad) è entrato a far parte dei patrimonio dell’umanità dell’Unesco. Si tratta di un riconoscimento che rispecchia in pieno la bellezza di questa cittadina che abbiamo imparato a conoscere in questi giorni. È rinchiusa nelle pittoriche mura medievali, nonostante le distruzioni che hanno danneggiato l’area, dal terremoto del 1667 alle circa 2000 bombe cadute tra il 1991 e il 1992. Grazie al diligente e fedele lavoro di ricostruzione, la bellezza di Dubrovnik resiste.

TripAdvisor

***

Tra le mura troviamo la Fontana di Onofrio (risalente al 1460) che era l’origine del sistema idrico urbano; mentre oggi è per il turista non solo un’opera da poter apprezzare ma è anche un luogo in cui rinfrancarsi con l’acqua fresca e poter osservare gli artisti di strada…

Depositphotos

***

 

Nella stessa piazza della fontana è possibile ammirare la Chiesa di San Salvatore (1528) e il Monastero e Museo francescano.

Wikipedia

***

Continuando per lo Stradun, via principale, si è

 

continuamente distratti da ristoranti, gelaterie, bar, negozi di vestiti e quant’altro ancora.

Expedia

 

***

Pubblicato in Iniziativa estiva 2018, video | 6 commenti

Briciola #307

Salvami
occhi azzurri di mare profondo
bocca dolce di miele e rose
anima tersa
di cielo candido ed albe serene

© 2018 Daniele Cerva

Tutti i diritti riservati

Pubblicato in Briciola, Senza categoria | 9 commenti

Madrid

Ci troviamo a Madrid, capitale della Spagna, citta’ in cui nacque il famoso movimento culturale “Movida”, movimento che identifica una rinascita dopo gli anni della dittatura franchista. Piazza Puerta del Sol e’ stato il luogo dove vide la luce questo movimento e con il termine “Movida” si identifica ormai un po’ ovunque il divertimento notturno. E’ una citta’   densamente abitata , sede del Governo e della famiglia reale. In queste foto possiamo vedere il Palazzo Reale ma la residenza dei monarchi e’ Il Palazzo della Zarzuela, l’attuale sovrano e’ Felipe VI. Mi sono sempre chiesta perche’ i principi sono chiamati “infante”, ho trovato la risposta visitando il Palazzo Reale: era il nome che i sovrani davano ai figli che non erano eredi al trono. Troviamo molti luoghi interessanti in questa grande citta’ come il Museo del Prado con i capolavori di Caravaggio, Raffaello e molti altri, il Museo Thyssen-Bornemisza pinacoteca dell’omonimo barone e il Museo Reina Sofia ricco di opere d’arte contemporanee, infatti possiamo ammirare le grandi creazioni di Miro’, Picasso e Dali’. Da non perdere e’ la Cattedrale dell’Almudena, cattedrale di Madrid. Merita sicuramente il mercato delle pulci: El Rostro, da passarci la domenica! Un po’ di shopping sulla Gran Via e’ caldamente consigliata, Buon Tour! 65Luna

Pubblicato in Iniziativa estiva 2018 | 11 commenti

Highland Games (I giochi scozzesi delle Highland)

I giochi delle Highland sono eventi organizzati in primavera e in estate in Scozia e in altri paesi come un modo per celebrare la cultura scozzese e celtica , in particolare quella delle Highlands scozzesi . Alcuni aspetti dei giochi sono così famosi da essere diventati emblematici della Scozia, come le cornamuse , il kilt e gli eventi pesanti, in particolare il lancio del cabar . Pur concentrandosi sulle competizioni di piping e drumming, danza e atletica pesante scozzese, i giochi includono anche spettacoli e mostre relative ad altri aspetti della cultura scozzese e gaelica .L’origine degli Highland Games è incerta.

Alle origini di questi giochi ci sarebbe forse la corsa effettuata da re Malcom III (1058-1093) che raggiunse la sommità di Craig Choinnich, una vetta nei pressi di Braemar.

Con molta più probabilità, questi giochi trarrebbero origine dalle battute di caccia al cervo che vedevano impegnati gli abitanti delle Highlands.

I primi giochi della Highlands della storia sono considerati i Ceres Games of Fife, che ebbero luogo a partire dal 1314.

Manifestazioni sportive da cui traggono origine gli Highland Games moderni ebbero in seguito luogo sino al 1746, anno della battaglia di Culloden.

E se la vita
è una continua sfida
lo sport non
è da meno.

© Egyzia72

Pubblicato in aforisma, Iniziativa estiva 2018 | 5 commenti

Il whisky

Il whisky, bevanda nazionale scozzese, è stato amorevolmente prodotto in tutta la nazione per secoli. Oggi esistono oltre 100 distillerie attive (un numero in continua crescita) che producono ognuna il proprio whisky con il proprio metodo.Ci sono tre diversi tipi di whisky scozzese: whisky di malto (noto anche come single malt), whisky di cereali e blended whisky. Come si differenziano?

WHISKY DI MALTO
Il whisky di malto è realizzato con orzo maltato, acqua e lievito. Il liquido viene distillato in enormi alambicchi in rame (che vedrete in quasi tutti i tour delle distillerie) e viene affinato in botti di whisky per un minimo di tre anni (anche se solitamente il periodo di maturazione è molto più lungo). Il single malt whisky viene prodotto in una sola distilleria, mentre il blended whisky è il prodotto di due o più distillerie.

WHISKY DI CEREALI
Il whisky di cereali è prodotto in modo molto diverso. In questo caso l’orzo maltato viene miscelato con l’orzo non maltato ed altri cereali (come mais e frumento) prima che l’intera miscela venga combinata con l’acqua e poi il lievito. Il liquido risultante viene distillato in un alambicco alto (chiamato anche Coffey still), dall’aspetto molto diverso rispetto agli alambicchi tradizionali, e produce una bevanda alcolica in maggiori quantità e di gradazione superiore.

BLENDED WHISKY
Il blended whisky comporta un complesso processo di miscelazione di diversi single malt (da 15 a 50) con whisky di cereali. Si tratta di un processo complesso poiché i whisky provenienti dalle varie distillerie hanno caratteristiche molto diverse e non sempre si mescolano bene con gli altri. È proprio per questo che la miscelazione è un’arte da veri esperti e che le ricette sono un segreto gelosamente custodito. Molti blended whisky sono noti a tutti come Bells, Dewars, Whyte and Mackay, Johnnie Walker e The Famous Grouse.

Per distillare il whisky scozzese si utilizzano tuttora alambicchi di rame a forma di pera, i pot still, secondo il tradizionale metodo discontinuo. Solitamente si effettuano due distillazioni, solo alcune distillerie, per rendere il proprio whisky particolarmente leggero e delicato ne effettuano tre. Il risultato della distillazione negli alambicchi è il cuore, un’acquavite perfettamente trasparente, cristallina, atta all’invecchiamento con una gradazione alcolica pari a 70%vol ed una quantità che si è ridotta ad un terzo della prima distillazione. A questo punto poi viene lasciato in botti di legno che daranno un ulteriore aroma al liquido per poi infine essere imbottigliato.La distillazione del whisky è fatta in cinque regioni specializzate: Campbeltown, Highland, Islay, Lowland e Speyside.

In un bicchiere
di whisky
c’è tutta la magia
della Scozia.

© Egyzia72

Pubblicato in aforisma, Iniziativa estiva 2018 | 6 commenti

Lacrimosa

Il Mozarteum è l’Universität Mozarteum Salzburg. La grande sala della Stiftung Mozarteum Ospita i più grandi  concerti e  il Festival di Salisburgo , uno degli eventi musicali più grandi in Europa.


foto: Andreas Praefcke

Lacrimosa

fu la morte improvvisa

del giovane talento

ma già

immenso

Pubblicato in Iniziativa estiva 2017, Le Petit Onze | 5 commenti

Atomium

Atomium si trova nel parco Heysel di Bruxelles, costruito in acciaio rappresenta i nove atomi di una cella unitaria di cristallo e ferro. Fu realizzato per l’Expo 1958, alto 102 metri, ogni sfera ha un diametro di 18 metri, collegate fra loro con scale mobili. Grandi finestre ed oblò permettono di guardare le altre sfere e sopratutto ammirare un panorama unico. In una delle sfere troviamo il Ristorante ATOMIUM Terrasse, arredamento anni 50-60 servizio gentile, piatti gustosi anche se ho sentito qualche lamentela. Mi sono talmente estasiata a guardare che non ricordo neanche cosa ho mangiato.

Lassù

Fra cielo e terra

Ammirare la creatività

Del genio

Uomo

MA.Vi

Vale la pena andarci, ci si sente liberi e sembra di poter toccare il cielo

Pubblicato in Iniziativa estiva 2018, Le Petit Onze, post guidato | 4 commenti

Myconos

Incominciamo a scoprire alcune isole, MYCONOS

In Grecia ci sono 25000 Km quadrati di isole e solo 227 sono abitate si trovano nel mar Egeo: Creta, Cicladi, Dodecaneso, Sparadi e isole ionie.

Partiamo da Myconos (parte delle Cicladi)- territorio montuoso di granito/coste frastagliate dove in alcuni punti si aprono splendide spiagge sabbiose (si pratica il nudismo).

Nella mitologia fu il luogo dove Zeus e i Titani combatterono. Con l’occupazione romana ebbe un periodo d’oro, fu occupata dai Veneziani e poi sottomessa al territorio Turco fino al 1821.

il paese più grande si chiama Chora, chiamato Piccola Venezia, dove le case  con balconi in legno sono affacciati sull’acqua in una baia  a forma di mezzaluna.

Più a Sud vi sono i Mulini a vento posti sulla collina, che risalgono al XVI secolo (simboli dell’isola). Vi sono 400 chiese Ortodosse, un museo archeologico e il Mulino Bolis.

Ora è diventata molto turistica per il relax e romanticismo, ricca di vita come Ibiza e Rimini.

Isola

con panorami stupendi e

ricca di vita

notturna con

divertimenti

 

oddonemarina – immagine mulino a vento

Pubblicato in Iniziativa estiva 2018, Le Petit Onze | 11 commenti

Gastronomia a Dubrovnik…

Come si è potuto constatare, Dubrovnik è la meta famosa per i suoi tanti locali, aperti fino a tardi che animano soprattutto la Stari Grad, ovvero la città vecchia, e lo Stradun, cioè la via principale e la più famosa della città.

123RF

Sera
che di malinconìa avvolgi
sfratta le illusioni
nel vespertino
silenzio

@ Rosemary3

***

Tra le ripide vie acciottolate, e le alte case della città vecchia, tutta costruita con lo stesso marmo chiaro che la contraddistingue, si trovano, anche un po’ nascosti, molti locali in cui trascorrere la serata, così come nello stesso Stradun.

123RF

***

Qualche consiglio per un buon ristorante? Proprio passeggiando sul lungomare si vede benissimo la Lokanda Peskarija (Na Ponti bb), un locale molto frequentato che offre uno splendido panorama sul mare che si può ammirare durante i pasti, famoso per i suoi squisiti piatti di pesce che arriva direttamente dal porto di Dubrovnik e che, tutto sommato, sono a prezzi abbordabili.

Time Out

***

Dubrovnik è caratterizzata da un’abbondanza di prodotti ittici. Il mare della Dalmazia è il più pescoso e regala piatti cucinati alla griglia, marinati allo spiedo e spesso serviti con saporiti risotti. Non mancano piatti con pesci provenienti dai fiumi. La gastronomia dalmata ha subito delle influenze delle popolazioni colonizzatrici e di quelle limitrofe, prima fra tutte l’Italia.

***

Zuppa di pesce (Brujet) che si distingue per il sapore degli ingredienti della terra croata

 

 

 

Aragosta e scampi (jastog e skampi) e Buzara – crostacei saltati in padella il tutto innaffiato da ottimo vino bianco

Non mancherà sicuramente il risotto di seppie, tipico della zona (crni rizot)

Chasing the Donkey

… il tutto innaffiato dall’ottimo vino di Dubrovnik…

Pietanze
squisitamente irrorate da vino
dall’aureo colore
che crostacei
esalta

@ Rosemary3

Pubblicato in Iniziativa estiva 2018, Le Petit Onze | 4 commenti